Diabete: varianti genetiche inci…

[caption id="attachme…

Decadimento muscolare: scoperta …

[caption id="attachment_6…

Tumore al seno: un test genomico…

La diagnosi, già in uso i…

Dal CNR: il gene chiave per lo s…

[caption id="attachme…

Cellule staminali tumorali: nuov…

[caption id="attachment_8…

Dalla Ginecologia dell’Ospedale …

Unità Operativa Complessa…

Disfunzione erettile: potrebbe n…

I medici avvertono che sp…

Uveite: che cos'è?

L'uveite è un'infiamm…

Tumori: dal c-MET alla TAC a spi…

L'obbiettivo è il solito:…

Si premia l'eccellenza della ric…

Due giovani scienziate ha…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Antimicrobici ottenuti da una vecchia “classe” di farmaci, rivista e reinventata

Un gruppo di scienziati della University of California San Diego School of Medicine e’ riuscita a “reinventare” una classe di popolari farmaci anti-microbici, migliorando la loro efficacia contro agenti patogeni resistenti ai farmaci nei modelli animali.


Lo studio e’ stato pubblicato sulla rivista Pnas. I ricercatori hanno ottenuto oltre 650 nuovi composti modificando lievemente elementi strutturali nel metronidazolo e nei 5-nitromidazoli (5-NI). Si tratta di una classe di farmaci anti-microbici vecchia di cinquant’anni usata per combattere praticamente ogni cosa, dai batteri che causano ulcere nello stomaco a protozoi trovati in acque contaminate.   ”Abbiamo aggiunto pezzi molecolari in modo da cambiare forme e dimensioni” ha spiegato Lars Eckmann, fra gli autori della ricerca. I risultati hanno mostrato che i nuovi composti erano efficaci contro gli agenti patogeno, nei modelli animali, riuscendo a superare la resistenza microbica che avevano sviluppato.

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x