Omega 3: diminuiscono incidenza …

Il consumo di acidi g…

Sinusite: nuovo metodo di diagno…

Un nuovo metodo di diagno…

Caffeina per il Parkinson, sosta…

La caffeina potrebbe aiut…

Alcol: scoperto interruttore mol…

Individuata una mole…

Sclerosi multipla: se scarseggia…

Identificato un mecca…

‘Festa dei Nonni’, un’occasione …

Roma, 30 settembre 2016 –…

Terapia rivoluzionaria: un uomo …

Un vigile del fuoco paral…

Sperimentazione vaccino leucemia…

[caption id="attachment_4…

Epatite C: protocolli con Telapr…

REGIMI BASATI SU TELAPR…

AriSLA: inizia la prima sperimen…

Comunicato stampa - 4,5 m…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cancro ovarico: allo studio nanotecnologie per colpirlo e debellarlo

Un innovativo trattamento per il cancro alle ovaie si e’ rivelato estremamente promettente.


Il sistema, creato da un team di ricercatori della Florida International University, costituisce un nuovo modo per permettere ai farmaci di raggiungere direttamente il cancro, uccidendolo, puntando sulle nano-tecnologie.   Attraverso questo metodo, gli studiosi sono riusciti in laboratorio a trasportare il Taxol, farmaco chemioterapico usato per trattare il cancro ovarico, su una nano-particella elettromagnetica. La nano-particella viene gestita con un campo elettrico che ha consentito al farmaco di penetrare nelle cellule tumorali e distruggere il tumore in sole ventiquattro ore, risparmiando le cellule ovariche sane.

La strategia potrebbe essere applicata anche ad altre tipologie di cancro come il tumore al seno e ai polmoni. Il progetto e’ stato descritto su ‘Scientific Reports’

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi