Labbra perfette con laser e lipo…

Un 'mix' tecnologico in g…

Fratture ossee: nuova terapia di…

Ricercatori finanziati da…

Ipertensione: già in età pediatr…

Un test delle urine del b…

Ingegneria dei tessuti: vene bio…

Scienziati americani hann…

Biotecnologie ed Innovazione in …

Incontro a Milano tra esp…

Resistenza agli antibiotici: una…

In ogni tipo di ambiente …

Cancro dello stomaco: un'aspirin…

Assumere aspirina ogni gi…

Aumentano i casi di TBC farmacor…

Trovato un allarmante num…

Creati neuroni OGM che si illumi…

Londra - Creati neuroni g…

Tre geni predispongono al suicid…

[caption id="attachment_…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

HIV: virus con serbatoi di materiale genetico inattivo più grandi del previsto.

Il serbatoio di virus inattivo silenziosamente nel corpo di un paziente affetto da Hiv e’ piu’ grande di quanto sinora ipotizzato dalla ricerca scientifica.

Lo ha scoperto un nuovo studio dell’Howard Hughes Medical Institute. I risultati rivelano che le riserve del virus potrebbero essere fino a sessanta volte maggiori rispetto alle stime precedenti: un focolaio minaccioso e latente che mantiene l’abilita’ di attivarsi anche dopo i trattamenti con i migliori farmaci anti-Hiv. La ricerca dimostra che gli sforzi terapeutici per sradicare l’Aids possono essere inefficaci sul lungo periodo se i trattamenti non riescono a colpire anche i virus inattivi, chiamati provirus. L’indagine, pubblicata su ‘Cell’, fornisce inediti dettagli sulle dimensioni reali dei provirus: dati che quantificano il rischio reale che l’Hiv possa riattivarsi anche successivamente alle terapie e che identificano nei provirus un importante target farmaceutico da considerare nell’immediato futuro.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi