I trapianti senza trasfusione ne…

La strada verso trapianti…

A Ponsacco consigli utili per pr…

“Gastroinforma”, la campa…

Campagna UE di prevenzione contr…

Lussemburgo, 14 gen. - In…

Cervello: trovato un nesso tra m…

Un gruppo di scienziati d…

Il gene per il linguaggio

Gli esseri umani condivid…

Una variante genica aumenta il r…

[caption id="attachme…

Giornata Mondiale della Malattia…

Roma, 19 settembre 2016 –…

Inoltrata all’FDA la domanda sup…

·      Il dosaggio vasc…

Epatite C: piccola mutazione gen…

[caption id="attachment_7…

Antidolorifico da banco efficace…

Una nuova meta-analisi pu…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

HIV: virus con serbatoi di materiale genetico inattivo più grandi del previsto.

Il serbatoio di virus inattivo silenziosamente nel corpo di un paziente affetto da Hiv e’ piu’ grande di quanto sinora ipotizzato dalla ricerca scientifica.

Lo ha scoperto un nuovo studio dell’Howard Hughes Medical Institute. I risultati rivelano che le riserve del virus potrebbero essere fino a sessanta volte maggiori rispetto alle stime precedenti: un focolaio minaccioso e latente che mantiene l’abilita’ di attivarsi anche dopo i trattamenti con i migliori farmaci anti-Hiv. La ricerca dimostra che gli sforzi terapeutici per sradicare l’Aids possono essere inefficaci sul lungo periodo se i trattamenti non riescono a colpire anche i virus inattivi, chiamati provirus. L’indagine, pubblicata su ‘Cell’, fornisce inediti dettagli sulle dimensioni reali dei provirus: dati che quantificano il rischio reale che l’Hiv possa riattivarsi anche successivamente alle terapie e che identificano nei provirus un importante target farmaceutico da considerare nell’immediato futuro.

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x