I trapianti senza trasfusione ne…

La strada verso trapianti…

A Ponsacco consigli utili per pr…

“Gastroinforma”, la campa…

Campagna UE di prevenzione contr…

Lussemburgo, 14 gen. - In…

Cervello: trovato un nesso tra m…

Un gruppo di scienziati d…

Il gene per il linguaggio

Gli esseri umani condivid…

Una variante genica aumenta il r…

[caption id="attachme…

Giornata Mondiale della Malattia…

Roma, 19 settembre 2016 –…

Inoltrata all’FDA la domanda sup…

·      Il dosaggio vasc…

Epatite C: piccola mutazione gen…

[caption id="attachment_7…

Antidolorifico da banco efficace…

Una nuova meta-analisi pu…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

La lunga vita delle piante rispetto alla vita dell’uomo, grazie alle staminali delle radici

Le piante vivono piu’ a lungo degli animali perche’ posseggono un sistema di cellule staminali nelle radici che e’ ottimizzato per essere meno sensibile al danno al Dna che si verifica tipicamente con l’invecchiamento.


La scoperta proviene da Lieven De Veylder e colleghi della Universita’ di Ghent, Belgio, ed e’ stata pubblicata su ‘Science Express’.

Le cellule staminali sono cruciali per la generazione continua di nuove cellule ed esse contribuiscono alla crescita e allo sviluppo della pianta secondo processi molecolari ancora poco chiari. “I nostri nuovi dati – spiega De Veylder – suggeriscono che alcune staminali nelle radici della piante sono meno sensibili al danno al Dna. Queste cellule posseggono copie originali e intatte di Dna che possono essere usate per rimpiazzare, quando necessario, le cellule danneggiate. Anche gli animali posseggono un meccanismo simile, ma le piante si sono evolute in modo da ottimizzarlo meglio. Questo potrebbe spiegare perche’ molte piante vivono per piu’ di un secolo, evento eccezionale per gli animali”.

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x