Gene invecchiamento legato all'i…

Un gene che aiuta a c…

Tumori: progetto europeo PREDECT…

Superare il gap tra speri…

Come il cervello si organizza da…

[caption id="attachment_7…

Da un fungo tibetano parassita u…

Un team di scienziati del…

I 3 ricercatori italiani vincito…

Roma, 26 settembre 2016 –…

I Winds Of The Berlin Philharmon…

FONDAZIONE MARUZZA LEFEBV…

Promette e funziona il vaccino a…

[caption id="attachment_9…

Creata prima retina da cellule s…

[caption id="attachment_7…

Dal Simposio “sPAIN in Italy”: c…

Oltre 500 esperti italian…

Dall'IAS una ricerca sulla sordi…

[caption id="attachme…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Sclerosi Multipla: in crescita il numero di casi(o forse una maggiore sensibilità), allarmanti i numeri della malattia

Nel mondo 2,3 milioni di pazienti

Quasi diagnosi ogni 4 ore, più di 5 ogni giorno. In Italia le persone colpite da Sclerosi Multipla sono 68mila, con 2.000 nuove diagnosi in un anno. L’incremento si registra anche a livello mondiale: i pazienti con Sm sono 2,3 milioni, il 9,5% in più rispetto al 2008. Sono i numeri contenuti in Atlas, il più vasto rapporto mondiale sulla patologia cronica pubblicato dalla Federazione Internazionale Sclerosi Multipla, presentati a Ectrims, il Congresso mondiale sulla Sm in corso a Copenaghen.

demielinizzazione

demielinizzazione

Giovane e donna – Circa la metà dei pazienti italiani ha meno di 40 anni e il 75% dei nuovi casi diagnosticati è formato da donne. L’incidenza della malattia è di 4 persone ogni 100.000 abitanti. I casi pediatrici in Italia, ovvero in ragazzi sotto i 18 anni, sono circa 500-1000. La Sm è una patologia che colpisce la mielina, la guaina che protegge i nervi, interferendo con la trasmissione dei segnali elettrici che rendono possibile il movimento dei muscoli. È una malattia infiammatoria, ma le cause sono ancora misteriose: una patologia autoimmune, secondo alcuni studi, con un auto-attacco dell’organismo, la possibile interferenza di virus “dormienti”. È ancora forte l’eco dello scontro sull’ipotesi del chirurgo italiano Paolo Zamboni della correlazione con malformazioni delle vene del collo. Di certo, i sintomi neurologici della malattia possono avanzare fino alla disabilità fisica e cognitiva e i farmaci possono solo arrestare nelle forme remittenti, mentre non esiste una cura per i 25mila casi di Sclerosi multipla cosiddetta progressiva – sono 1 milione nel mondo – che ha un andamento graduale, ma continuo, fino all’invalidità. La forma più diffusa è la recidivante-remittente, in cui i segni della patologia avanzano e si arrestano, scomparendo all’apparenza.

L’aumento dei casi – spiega Marco Salvetti, responsabile del Centro Neurologico Terapie Sperimentali dell’Università La Sapienza di Roma – è dovuto, da un lato, alla migliorata diagnosi ma, dall’altro, anche a particolari fattori ambientali, come la ridotta esposizione a microbi in una società sempre più ‘igienizzata'”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi