Descritta la proteina essenziale…

Un team di ricercatori de…

Nobel per la fisica agli invento…

Isamu Akasaki, Hiroshi Am…

Con la app 'Giroclinico' la stor…

Il Policlinico di Milano …

Carenza dei farmaci oncologici: …

L’attuale politica di gar…

Una ricerca getta luce sulle ter…

Finanziati in parte dall'…

Diabete di tipo 1 associato a in…

C'e' una forte associazio…

Trapianto utero: tra due anni ci…

[caption id="attachme…

I "forti" leader sono sempre in …

Uno status sociale elevat…

Fecondazione assistita: arriva i…

[caption id="attachment_8…

Epatite C: tre caffè al giorno a…

L'efficacia della terapia…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Aspirina prima di andare a dormire riduce il rischio infarti la mattina

Un’aspirina prima di andare a dormire, invece che poco dopo essersi svegliati, potrebbe ridurre il rischio di soffrire di attacchi di cuore al mattino

A dirlo, e’ un nuovo studio presentato durante le American Heart Association’s Scientific Sessions 2013. Una bassa dose quotidiana di aspirina e’ raccomandata per le persone che sono ad alto rischio per le malattie cardiache. L’aspirina infatti evita che si formino dei coaguli nel sangue.aspirina. Le piastrine, solitamente, hanno la tendenza a raggiungere un picco della loro attivita’ al mattino, aumentando il rischio di soffrire di attacco cardiaco in quelle ore. Gli scienziati del Leiden University Medical Center hanno esplorato il legame fra l’ora in cui si assume l’aspirina e il rischio di malattie cardiovascolari, coinvolgendo 290 pazienti che hanno assunto 100 milligrammi di aspirina al giorno prima di andare a dormire, o dopo essersi svegliati, per un periodo di tre mesi. I risultati hanno mostrato che non c’era riduzione della pressione sanguigna: tuttavia, l’attivita’ delle piastrine veniva ridotta al punto di abbassare il rischio di soffrire di attacchi cardiaci al mattino.
.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi