Cancro e mRNA: cambiamento di ro…

[caption id="attachme…

Alzheimer: il ruolo dello stress…

L'aumento della produzion…

Ebola: medico trattato con ZMapp…

Kent Brantly ha contratto…

Rivaroxaban di Bayer ha ridotto …

·         Rivarox…

Il "lato buono del colesterolo" …

Una dieta ricca di colest…

Mal di schiena: la classifica de…

Gli improvvisi attacchi d…

Cataratte: in Italia uno su 4 ov…

Ogni anno in Italia vengo…

Occhio agli uomini italiani: olt…

Una recente indagine inte…

Fumo passivo: parte dalla Svizze…

Divieti di fumare più res…

Ictus: una proteina del sangue n…

L'inibizione di una prote…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Aspirina prima di andare a dormire riduce il rischio infarti la mattina

Un’aspirina prima di andare a dormire, invece che poco dopo essersi svegliati, potrebbe ridurre il rischio di soffrire di attacchi di cuore al mattino

A dirlo, e’ un nuovo studio presentato durante le American Heart Association’s Scientific Sessions 2013. Una bassa dose quotidiana di aspirina e’ raccomandata per le persone che sono ad alto rischio per le malattie cardiache. L’aspirina infatti evita che si formino dei coaguli nel sangue.aspirina. Le piastrine, solitamente, hanno la tendenza a raggiungere un picco della loro attivita’ al mattino, aumentando il rischio di soffrire di attacco cardiaco in quelle ore. Gli scienziati del Leiden University Medical Center hanno esplorato il legame fra l’ora in cui si assume l’aspirina e il rischio di malattie cardiovascolari, coinvolgendo 290 pazienti che hanno assunto 100 milligrammi di aspirina al giorno prima di andare a dormire, o dopo essersi svegliati, per un periodo di tre mesi. I risultati hanno mostrato che non c’era riduzione della pressione sanguigna: tuttavia, l’attivita’ delle piastrine veniva ridotta al punto di abbassare il rischio di soffrire di attacchi cardiaci al mattino.
.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x