Curcuma: studio sul potere rigen…

La nota spezia, già ogget…

29 OTTOBRE 2009: V GIORNATA MOND…

Annunciato da Alice I…

Gene di parassita suino utile co…

Vermi parassiti di suini …

Dolore, necessaria rivoluzione c…

Sigg e Siot promuovono,…

Cereali a colazione: per tenere …

Fare colazione è importan…

Tumori cerebrali: stimolare il c…

Un gruppo di ricercatori…

Embolia polmonare: meglio rileva…

Una nuova ricerca dimost…

Il delicato momento della divisi…

[caption id="attachment_9…

Un batterio controllato da genom…

[caption id="attachment_7…

Ricerca medica avanzata in linea…

[caption id="attachment_6…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Aspirina prima di andare a dormire riduce il rischio infarti la mattina

Un’aspirina prima di andare a dormire, invece che poco dopo essersi svegliati, potrebbe ridurre il rischio di soffrire di attacchi di cuore al mattino

A dirlo, e’ un nuovo studio presentato durante le American Heart Association’s Scientific Sessions 2013. Una bassa dose quotidiana di aspirina e’ raccomandata per le persone che sono ad alto rischio per le malattie cardiache. L’aspirina infatti evita che si formino dei coaguli nel sangue.aspirina. Le piastrine, solitamente, hanno la tendenza a raggiungere un picco della loro attivita’ al mattino, aumentando il rischio di soffrire di attacco cardiaco in quelle ore. Gli scienziati del Leiden University Medical Center hanno esplorato il legame fra l’ora in cui si assume l’aspirina e il rischio di malattie cardiovascolari, coinvolgendo 290 pazienti che hanno assunto 100 milligrammi di aspirina al giorno prima di andare a dormire, o dopo essersi svegliati, per un periodo di tre mesi. I risultati hanno mostrato che non c’era riduzione della pressione sanguigna: tuttavia, l’attivita’ delle piastrine veniva ridotta al punto di abbassare il rischio di soffrire di attacchi cardiaci al mattino.
.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!