Statine utili anche per combatte…

Le statine, i farmaci usa…

Menopausa: cure sì, ma mirate

In occasione della gior…

Impulsi laser per inserire nelle…

[caption id="attachment_8…

Correlazione tra dimensioni del …

Pare vi sia una correlazi…

Fumo passivo: oltre il 50% delle…

Piu' della meta' delle do…

Scienziati ottengono precursori …

Partendo da cellule stami…

La grandezza del cervello nei ma…

Le regioni olfattive del …

Malattie rare: accordata una nuo…

E’ stata approvata in Eur…

Vaccino antipolio via orale: non…

[caption id="attachment_9…

Peperoncino regolarizza pression…

[caption id="attachment_8…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Aspirina prima di andare a dormire riduce il rischio infarti la mattina

Un’aspirina prima di andare a dormire, invece che poco dopo essersi svegliati, potrebbe ridurre il rischio di soffrire di attacchi di cuore al mattino

A dirlo, e’ un nuovo studio presentato durante le American Heart Association’s Scientific Sessions 2013. Una bassa dose quotidiana di aspirina e’ raccomandata per le persone che sono ad alto rischio per le malattie cardiache. L’aspirina infatti evita che si formino dei coaguli nel sangue.aspirina. Le piastrine, solitamente, hanno la tendenza a raggiungere un picco della loro attivita’ al mattino, aumentando il rischio di soffrire di attacco cardiaco in quelle ore. Gli scienziati del Leiden University Medical Center hanno esplorato il legame fra l’ora in cui si assume l’aspirina e il rischio di malattie cardiovascolari, coinvolgendo 290 pazienti che hanno assunto 100 milligrammi di aspirina al giorno prima di andare a dormire, o dopo essersi svegliati, per un periodo di tre mesi. I risultati hanno mostrato che non c’era riduzione della pressione sanguigna: tuttavia, l’attivita’ delle piastrine veniva ridotta al punto di abbassare il rischio di soffrire di attacchi cardiaci al mattino.
.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x