Tumore alla prostata: spesso è s…

[caption id="attachme…

Tumore alle ovaie: spiegati i me…

Uno studio condotto da ri…

Asma grave: a Brescia viene trat…

Eseguito a Brescia il p…

Un biochip ottico come nuovo mar…

[caption id="attachme…

AiFA: antitumorali con prezzi pi…

L'Agenzia Italiana del F…

A Copenaghen si è conclusa la Co…

Il Presidente Onorario …

KLOTHO permette di regolare iper…

[caption id="attachme…

Il presidente dell’EGA auspica u…

I produttori di equivalen…

La "Molecola Trofeo" potrebbe ri…

Alcuni ricercatori hanno …

Allergie alimentari: crescono in…

Cresce l'Europa 'allergic…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Aspirina prima di andare a dormire riduce il rischio infarti la mattina

Un’aspirina prima di andare a dormire, invece che poco dopo essersi svegliati, potrebbe ridurre il rischio di soffrire di attacchi di cuore al mattino

A dirlo, e’ un nuovo studio presentato durante le American Heart Association’s Scientific Sessions 2013. Una bassa dose quotidiana di aspirina e’ raccomandata per le persone che sono ad alto rischio per le malattie cardiache. L’aspirina infatti evita che si formino dei coaguli nel sangue.aspirina. Le piastrine, solitamente, hanno la tendenza a raggiungere un picco della loro attivita’ al mattino, aumentando il rischio di soffrire di attacco cardiaco in quelle ore. Gli scienziati del Leiden University Medical Center hanno esplorato il legame fra l’ora in cui si assume l’aspirina e il rischio di malattie cardiovascolari, coinvolgendo 290 pazienti che hanno assunto 100 milligrammi di aspirina al giorno prima di andare a dormire, o dopo essersi svegliati, per un periodo di tre mesi. I risultati hanno mostrato che non c’era riduzione della pressione sanguigna: tuttavia, l’attivita’ delle piastrine veniva ridotta al punto di abbassare il rischio di soffrire di attacchi cardiaci al mattino.
.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi