Descritta la proteina essenziale…

Un team di ricercatori de…

Nobel per la fisica agli invento…

Isamu Akasaki, Hiroshi Am…

Con la app 'Giroclinico' la stor…

Il Policlinico di Milano …

Carenza dei farmaci oncologici: …

L’attuale politica di gar…

Una ricerca getta luce sulle ter…

Finanziati in parte dall'…

Diabete di tipo 1 associato a in…

C'e' una forte associazio…

Trapianto utero: tra due anni ci…

[caption id="attachme…

I "forti" leader sono sempre in …

Uno status sociale elevat…

Fecondazione assistita: arriva i…

[caption id="attachment_8…

Epatite C: tre caffè al giorno a…

L'efficacia della terapia…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cancro al seno e colesterolo: Science pubblica un lavoro circa la correlazione tra sovrappeso e neoplasie

Un derivato del colesterolo può alimentare la crescita e la diffusione del cancro al seno, secondo un gruppo di ricercatori della Duke University (Usa), che aprono con i loro studi alla prospettiva di assumere farmaci come le statine per prevenire il tumore.


   Il lavoro, pubblicato sulla rivista ‘Science’, aiuta anche a spiegare perché l’obesità è un importante fattore di rischio di neoplasie. Studi precedenti avevano già ipotizzato che il grasso nelle persone in sovrappeso contribuisse a mandare in circolo ormoni come gli estrogeni, che guidano la crescita dei tumori. Il team americano dimostra ora che il colesterolo ha un effetto simile.
Il colesterolo, all’interno del nostro organismo, viene diviso in 27Hc, sostanza che può imitare gli estrogeni e produrre gli stessi loro effetti in alcuni tessuti. Esperimenti su topi hanno evidenziato che una dieta ricca di grassi, che aumenta i livelli di 27Hc nel sangue, danno luogo a tumori che risultano il 30% più grandi rispetto a quelli che possono insorgere in topi che seguono una dieta normale. E le neoplasie hanno anche maggiori probabilità di diffondersi, soprattutto quello al seno.
Uno dei ricercatori, Donald McDonnell, sottolinea: “Molti studi hanno finora dimostrato un legame tra obesità e cancro al seno.

In particolare, il colesterolo elevato è associato al rischio di malattia. Ma il meccanismo che spiega il fenomeno non era ancora stato identificato. Quello che abbiamo rilevato è una molecola (non il colesterolo in sé, ma un metabolita) chiamata 27Hc che ‘imita’ l’estrogeno e può dar vita autonomamente alla crescita del cancro al seno”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi