Tessuto adiposo di fianchi, glut…

[caption id="attachme…

HIV: studio dimostra dove il vir…

Identificata la regione d…

Vent’anni dei farmaci equivalent…

4 miliardi di risparmi da…

Depressione: livelli di folato e…

Scarsi livelli di vitamin…

Carenza di ferro e anemia: nel m…

Diete sbagliate e disturb…

Cancro orale, presto test della …

Presto sara' sviluppato u…

Dieta ipo-proteica per chi soffr…

Una dieta ipoproteica puo…

Linfoma periferico a cellule T: …

[caption id="attachme…

A Valenza una giornata di inform…

Mercoledì 13 aprile, a Va…

Quando il cervello viene salvato…

Ridurre la temperatura co…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

In Italia, complice l’arrivo del freddo, è alle porte l’influenza stagionale

SIPPSPer la Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale (SIPPS), l’unico rimedio per combatterla è il vaccino

Roma, 25 novembre 2013 – “Copriti, mi raccomando!”. La frase comincia a circolare già da alcuni di giorni tra gli italiani che, complice un brusco abbassamento delle temperature, si trovano ad affrontare freddo e malattie respiratorie, molte delle quali causate dall’influenza stagionale. E nelle nostre case tornano d’attualità fazzolettini e termometri. Ma non solo. Nei confronti dei più piccoli c’è già una netta divisione tra contrari e fautori del vaccino. Tra questi ultimi c’è la Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale.

La premessa è d’obbligo: l’inserimento dei bambini sani di età compresa tra 6 mesi e 24 mesi – o comunque fino a 5 anni – nelle categorie da sottoporre a vaccinazione contro l’influenza è tuttora un argomento di attivo e vivace dibattito discussione da parte della comunità scientifica internazionale, soprattutto a fronte della mancanza di studi clinici controllati di efficacia. La vaccinazione è infatti offerta dal servizio sanitario americano e canadese e da tre paesi della Comunità Europea (Finlandia, Ungheria e Malta) ma i dati di copertura vaccinale finora conseguiti non consentono una valutazione a livello di analisi farmacoeconomica e politica sanitaria, per quanto uno studio recente condotto dall’Università di Genova (Gasparini et al. Clinical and socioeconomic impact of seasonal and pandemic influenza in adults and the elderly Hum Vaccin Immunother. 2012; 8:21-8) abbia stimato in 940 euro il costo complessivo di un  singolo caso di influenza. Per questa ragione non è attualmente ritenuta necessaria la promozione di programmi di offerta attiva gratuita del vaccino influenzale stagionale ai bambini che non presentino fattori individuali di rischio. Questo, però, non significa che vi siano controindicazioni alla vaccinazione dei bambini “sani” di età superiore a 6 mesi, qualora il loro pediatra optasse per tale scelta, anche perché i bambini sono un vettore importante.

“Noi pediatri – spiega il Dott. Giuseppe Di Mauro, Presidente SIPPS – abbiamo il dovere di contrastare le false credenze, di illustrare i rischi che comporta il contatto sempre più frequente con persone di cui ignoriamo lo stato vaccinale, di rafforzare la fiducia dei genitori

 

nelle vaccinazioni e di sottolineare che solo il pieno rispetto del calendario vaccinale può garantire la protezione dei loro figli. L’influenza – prosegue Di Mauro – è una malattia epidemica con la massima diffusione in età pediatrica: nella stagione 2012-2013, per esempio, nella fascia 0-4 anni il picco di incidenza ha sfiorato i 32 casi per 1.000 assistiti, e i 18 casi per 1.000 in quella 5-14 anni rispetto agli 8 casi per 1.000 assistiti nella fascia 15-64 anni. L’elevata diffusione della malattia nei bambini è attribuibile a una combinazione di fattori legati a una maggiore suscettibilità intrinseca all’infezione da virus influenzale (imputabile a un funzionamento non ancora efficiente del sistema immunitario) e ai continui e stretti contatti all’interno dei tipici luoghi di frequentazione dei bambini (asili, scuole, centri ricreativi e sportivi). L’elevata incidenza dell’influenza nella popolazione pediatrica, che rappresenta quindi il principale serbatoio della malattia, è tra l’altro responsabile del mantenimento della circolazione del virus all’interno dei nuclei familiari e delle comunità e conseguentemente nella popolazione generale.

I vaccini disponibili in Italia sono tutti inattivati e quindi non contengono particelle virali intere attive. Sono classificabili nei seguenti tipi:

 

  • Vaccino split, contenente virus influenzali frammentati;- vaccino a subunità, contenente solo gli antigeni di superficie, emoagglutinina e neuraminidasi
  • Vaccino virosomiale, contenente gli antigeni di superficie emoagglutinine e neuroaminidasi legati a virosomi come sistema carrier/adiuvante
  • Vaccino adiuvato, contenente gli antigeni di superficie emulsionati ad adiuvante oleoso metabolizzabile (MF59)
  • Vaccino intradermico, è un vaccino split, confezionato in una siringa particolare che consente di inoculare nel derma la dose desiderata (concentrata in 0,1 ml di volume); non è raccomandato in età pediatrica

 

I vaccini a subunità sono in genere meno reattogenici rispetto agli altri e pertanto sono particolarmente indicati per l’immunizzazione dei bambini e di adulti che abbiano presentato episodi reattivi a precedenti vaccinazioni. I vaccini virosomiali vanno considerati come vaccini adiuvati; sono autorizzati per l’immunizzazione dei soggetti di età superiore a 6 mesi. I vaccini stagionali adiuvati con MF59 sono autorizzati, al momento, per l’immunizzazione dei soggetti di età superiore a 64 anni. La funzione degli adiuvanti è quella di potenziare la risposta immunitaria alla vaccinazione; per questo trovano particolare indicazione per l’immunizzazione dei soggetti anziani e di quelli scarsamente responsivi”. “Nei bambini – aggiunge il Dott. Piercarlo Salari, pediatra di Consultorio a Milano e componente della SIPPS – sono indicati i vaccini split, a subunità e virosomiali. Per tutti i bambini, appartenenti e non a categorie di rischio, valgono le stesse regole relativamente al periodo raccomandato (da metà ottobre a fine dicembre) e alla posologia: somministrazione per via intramuscolare di 2 dosi di vaccino (0,25 ml per i bambini di età compresa tra 6 e 36 mesi e 0,5 ml al di sopra di tale età, con un intervallo di 4 settimane tra le due somministrazioni) nei pazienti di età inferiore a 9 anni non vaccinati in precedenza; in tutte le altre situazioni è prevista invece un’unica dose di vaccino. L’immunizzazione antinfluenzale può essere effettuata anche durante il periodo di incubazione della malattia. Occorre infine sottolineare che la protezione indotta dal vaccino comincia due settimane dopo l’inoculazione e perdura per un periodo di sei-otto mesi per poi tendere ad attenuarsi”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!