Quattromila composti chimici nel…

Il database è accessibile…

Alzheimer: fibrille proteine tau…

Le malattie del cervello …

Una Farmacopea con meno burocraz…

L’Istituto Superiore di…

Memoria e capacità cognitive: il…

Secondo un nuovo studio i…

Tumori al rene: promettente la r…

Uno studio verifica la si…

Dolore: i medici potranno sentir…

L'arma segreta dei grandi…

ADUC: USA stanzia 4,5 mld per un…

NeoStem, con base nel New…

Colite ulcerosa: ingerire dei ve…

[caption id="attachment_1…

Biotecnologie dedicate al "sorri…

Secondo un vecchio detto,…

Leucemia linfoblastica acuta phi…

[caption id="attachment_7…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

La luce influisce cognitivamente anche su soggetti privi di vista

La luce migliora l’attivita’ cerebrale durante un compito cognitivo anche in quelle persone che sono completamente cieche, secondo uno studio condotto da ricercatori dell’Universita’ di Montreal e del Boston Brigham and Women Hospital.


Questi risultati contribuiscono alla comprensione degli scienziati del cervello di tutti, e hanno anche rivelato anche quanto velocemente la luce agisca sulla cognizione.eyes_2 “Siamo rimasti molto sorpresi di scoprire che il cervello ha risposto in maniera significativa alla luce anche in questi rari tre pazienti completamente ciechi”, ha spiegato il co-autore Steven Lockley. “La luce non solo ci permette solo di vedere – ha aggiunto – ma dice al cervello se e’ giorno o notte e in questo modo fa si’ che la nostra fisiologia, il metabolismo e il comportamento siano sincronizzati con il tempo ambientale”.

“Per le specie diurne come la nostra, la luce stimola l’attivita’ cerebrale, migliora la vigilanza e l’umore, e migliora le prestazioni in molti ambiti cognitivi”, ha aggiunto l’altro autore Julie Carrier. I risultati indicano dunque che il cervello puo’ ancora “vedere”, o rilevare, la luce attraverso un fotorecettore nello strato delle cellule gangliari della retina, diverso dai coni e bastoncelli che usiamo per vedere. La ricerca e’ stata pubblicata sul Journal of Cognitive Neuroscience.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!