Dal liquido amniotico prelevare …

[caption id="attachme…

Boehringer Ingelheim ha sottomes…

• La prima sottomiss…

Ftalati in età pediatrica respon…

L'esposizione a sostanze …

Termites' digestive system could…

One of the peskiest h…

Dall'ormone della fame un aiuto …

Scoperta una nuova via me…

Herpes zoster: studi lo consider…

[caption id="attachme…

Glioblastoma: studio del CNR spi…

È un tumore cerebrale che…

Ospedali di qualità a misura di …

Esce oggi il nuovo bando …

L’Italia dice addio alla fenform…

L’allarme, lanciato …

Pillole con estradiolo naturale:…

Contraccezione orale su m…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Magnesio contro il declino cognitivo

Mentre una carenza di magnesio può essere implicata nell’insorgere e l’aggravarsi della demenza, il declino cognitivo e perfino nella malattia di Alzheimer, buoni livelli di questo minerale possono ridurre il rischio e favorire la formazione delle sinapsi, il ripristino delle funzioni cerebrali, ringiovanendo addirittura il cervello.

Il magnesio è un Sale minerale importante per la salute. Sono note per esempio le sue proprietà nel formare il tessuto osseo, insieme a Calcio e fosforo. Ma è nota anche la sua azione benefica sul sistema nervoso e muscolare. Quello che forse tuttavia non si conosce così tanto è l’azione sul cervello e sulla salute mentale.

A questo proposito è utile conoscere i risultati di un recente studio sul magnesio-L-treonato (MGT) condotto su modello animale dai ricercatori cinesi del Tsinghua-Peking Center for Life Sciences, School of Medicine, Tsinghua University e pubblicato sul Journal of Neuroscience, la rivista ufficiale della Society for Neurocience.

Il dottor Guosong Liu e colleghi della TU hanno scoperto che un aumento dei livelli di magnesio nel cervello per mezzo dell’assunzione di magnesio-L-treonato (MGT) esercita effetti positivi sostanziali sulle sinapsi cerebrali in un modello murino affetto dalla malattia di Alzheimer (AD) e riporta il cervello invecchiato alla sue condizioni giovanili.

«Il corpo del nostro lavoro peer-reviewed e pubblicato sottolinea che il magnesio-L-treonato può aiutare a mantenere un’attività cerebrale sana – spiega Liu – Non vi è dubbio che il magnesio-L-treonato abbia portentosi effetti nel prevenire la perdita di sinapsi e nell’invertire il declino della memoria nei topi con malattia di Alzheimer».
I risultati di un ultimo studio, infine, mostrano che l’MGT «può avere un potenziale terapeutico per il trattamento della malattia di Alzheimer negli esseri umani».

Adeguati livelli di magnesio nel sangue possono quindi aiutare non solo a mantenere sane le ossa, il sistema nervoso e muscolare, ma a quanto sembra anche a proteggere il cervello.
Se vogliamo assicurarci di avere buone quantità nell’organismo di questo minerale è bene sapere che si può trovare in alimenti come le alghe Agar essiccate (che sono il cibo che ne contiene di più in percentuale), il basilico e il coriandolo essiccati (ma anche altre piante aromatiche), la crusca di frumento, i semi di zucca, il cacao amaro e il cioccolato fondente, molta della frutta secca e in parte anche in frutta, verdura e legumi.
Non facciamo quindi mancare il magnesio nella nostra dieta.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!