Dolore cronico: a Siviglia, clin…

Al 2° simposio Italia-Spa…

Arto rotto: il cervello inizia s…

Braccio destro ingessato …

Diabete di tipo 1: dal vaccino a…

Una nuova arma per la cur…

Linfomi non-Hodgkin: AIFA accogl…

L'’Agenzia Italiana del F…

Tumore ovarico: un farmaco contr…

Un farmaco comunemente ut…

Cancro della vescica: nelle urin…

[caption id="attachment_8…

[2.SIN] Malattia di Alzheimer

Prof. Carlo Ferrarese, Di…

Il bacillo della lebbra potrebbe…

Il meccanismo biologico e…

Fumo: più a rischio tumori se si…

Fumare immediatamente…

Scoperta la proteina che oppone …

[caption id="attachment_5…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Trattamento con steroidi di donne in gravidanza: il rischio dei nascituri

Le iniezioni di steroidi praticate alle donne incinte prima delle nascite premature potrebbero aumentare il rischio del bambino di soffrire di difficolta’ comportamentali ed emotive.


Le donne incinte da cui si aspetta un parto prematuro spesso sono sottoposte a infusioni di glucorticoidi, che simulano l’azione dell’ormone naturale cortisolo. pregnancyIl trattamento, vitale per la maturazione dei polmoni del bambino, stando alla nuova ricerca pubblicata su PLoS one, potrebbe aumentare il rischio di problemi mentali successivi, compreso l’Adhd, deficit di attenzione e iperattivita’. Lo studio e’ stato condotto dall’Imperial College London in collaborazione con l’Universita’ di Oulu, in Finlandia. I ricercatori hanno coinvolto 37 bambini che sono stati esposti a glucocorticoidi sintetici prima della nascita, confrontandoli con 185 bambini che sono nati nella stessa fase gestazionale ma senza questo trattamento. I bambini nel primo gruppo avevano punteggi piu’ bassi nei test di salute mentale generale all’eta’ di 8 e 16 anni e avevano maggiori probabilita’ di mostrare sintomi di Adhd

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi