[Cordis] Il grid computing per l…

[caption id="attachment_8…

Dall'uomo al moscerino della fru…

Una nuova ricerca ha dimo…

Alzheimer: sperimentazione nuova…

Il morbo di Alzheimer e' …

Le opinioni altrui hanno un'infl…

Anche se a tutti piace pe…

Dalle cozze arriva la nuova supe…

(ANSA)Arriva dalle cozze …

Sei stato allattato al seno? Far…

Lo sostiene uno studio in…

Frattura spina dorsale: interven…

Nel caso di fratture da…

Batteri intestinali: spesso deli…

La scelta di un cibo piut…

Progetto Behta, 80 specialisti d…

Napoli, 16 Aprile – Sono …

Stafilococco aureo: allo studio …

Il National Institutes of…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Pandemia, via aerea è una realtà che va analizzata con calcoli precisi

Uno studio computazionale della Northwestern University ha prodotto un nuovo modello matematico teorico utile alla comprensione della diffusione delle epidemie.


Gli scienziati, usando dati sul trasporto aereo, potrebbero predire le pandemie e identificare le origini di focolai epidemici oltre a migliorare la previsione dei processi globali attraverso cui si diffonde una malattia.Hendra-Virus Lo studio e’ stato pubblicato sull’ultimo numero della rivista Science. “Con questa nuova teoria – ha spiegato Dirk Brockmann, fra gli autori della ricerca – potremo ricostruire le origini dei focolai con maggiore precisione e calcolare la diffusione delle epidemie, prevedendo l’arrivo del fronte di un’onda epidemica in qualunque parte del mondo”.

Il nuovo approccio si basa sulla considerazione che le dinamiche globali devono tener conto del fatto che le convenzionali distanze geografiche fra le citta’ si sono notevolmente accorciate, con la possibilita’ di spostarsi facilmente, e che devono essere rimpiazzate dalle ‘distanze effettive’. In base a queste, ad esempio, da Francoforte, Tokyo non e’ molto piu’ distante di Brema, altra citta’ tedesca.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi