Celiachia nel bambino: conoscerl…

Milano, 15 settembre 2014…

Cellule staminali: scoperta la s…

Un nuovo studio dell'Harv…

Un utilizzo splendente dello 'zi…

[caption id="attachment_3…

Pediatria - Inaugurazione Aula D…

PATOLOGIE IN CALO E PATOL…

Premi per la ricerca SIF-AssoGen…

Roma, 15 ottobre 2014. So…

Connessioni fra neuroni: il ruol…

Se nel modello animale, d…

Cancro al polmone di tipo NSCLC:…

[caption id="attachme…

Retina artificiale: la prima bio…

Entro cinque anni chi s…

Vitamina D, la carenza può compr…

Secondo uno studio che c…

Cure palliative:cresce la richie…

Ha ampliato il numero dei…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Pandemia, via aerea è una realtà che va analizzata con calcoli precisi

Uno studio computazionale della Northwestern University ha prodotto un nuovo modello matematico teorico utile alla comprensione della diffusione delle epidemie.


Gli scienziati, usando dati sul trasporto aereo, potrebbero predire le pandemie e identificare le origini di focolai epidemici oltre a migliorare la previsione dei processi globali attraverso cui si diffonde una malattia.Hendra-Virus Lo studio e’ stato pubblicato sull’ultimo numero della rivista Science. “Con questa nuova teoria – ha spiegato Dirk Brockmann, fra gli autori della ricerca – potremo ricostruire le origini dei focolai con maggiore precisione e calcolare la diffusione delle epidemie, prevedendo l’arrivo del fronte di un’onda epidemica in qualunque parte del mondo”.

Il nuovo approccio si basa sulla considerazione che le dinamiche globali devono tener conto del fatto che le convenzionali distanze geografiche fra le citta’ si sono notevolmente accorciate, con la possibilita’ di spostarsi facilmente, e che devono essere rimpiazzate dalle ‘distanze effettive’. In base a queste, ad esempio, da Francoforte, Tokyo non e’ molto piu’ distante di Brema, altra citta’ tedesca.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi