Dal MIT: nanoparticelle che cont…

[caption id="attachment_5…

Nel curry una sostanza che ralle…

La componente della curcu…

BOTULISMO E BOTULISMO INFANTILE:…

Presentata Indagine sulla…

EUROMELANOMA DAY 2014: lunedì 26…

Roma, 22 maggio 2014 – Al…

Pseudomonas auruginosa: ecco le …

Il batterio inietta tos…

SLA: dieta ad alto contenuto cal…

Una dieta ad alto contenu…

Ernia: nuove soluzioni in regime…

Dal XXXV Congresso de…

Farmaci di uso comune potrebbero…

Gli antidolorifici come l…

Innovativi tessuti medici che di…

Scienziati dell'Universit…

Riaprono le scuole: allarme sull…

30% i bambini in sovrappe…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

La fibrillazione atriale e la connessione con la depressione

La fibrillazione atriale, una condizione per cui il cuore batte irregolarmente, e’ associata a un maggior rischio di depressione.


Lo ha scoperto uno studio dell’Universita’ di Amburgo pubblicato dalla rivista Plos One, che conferma un legame tra problemi cardiaci e psicologici gia’ trovato da altre ricerche. Lo studio ha esaminato i dati di 10mila persone, di cui 309 con fibrillazione atriale, confrontando il loro punteggio in un test per la depressione il cui esito era un voto su una scala da uno a 27.Le persone senza il problema al cuore hanno in media ottenuto un voto pari a 3, mentre quelle con fibrillazione hanno riportato un punto in piu’.Congenital_Cardiac La differenza, spiegano gli autori, non e’ grande in termini individuali, ma se rapportata a una popolazione puo’ costituire un motivo di preoccupazione, anche se lo studio non e’ in grado di dire quale delle due condizioni aumenti il rischio dell’altra.

“I cardiologi dovrebbero essere attenti – scrivono gli autori – e valutare possibili segni di depressione nei loro pazienti”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi