Disponibile in Italia un nuovo f…

Cologno Monzese, aprile 2…

Medicina rigenerativa: cellule e…

[caption id="attachment_8…

Dal dolore alla cura: una questi…

Sabato 12 novembre Conveg…

Artrite psoriasica attiva: ustek…

L’approvazione rende disp…

RNA: si tenta ancora una ricostr…

Fra i ricercatori è diffu…

Noci e vino rosso: polifenoli a …

Una bella insalata condit…

Lanciato nuovo sito finanziato d…

È stato appena lanciato u…

FIMP, FIMMG e SUMAI, esprimono u…

I sindacati della medic…

Cellule staminali: messo a punto…

E' possibile manipolare i…

Due geni in meno nel complesso L…

[caption id="attachment_3…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

La fibrillazione atriale e la connessione con la depressione

La fibrillazione atriale, una condizione per cui il cuore batte irregolarmente, e’ associata a un maggior rischio di depressione.


Lo ha scoperto uno studio dell’Universita’ di Amburgo pubblicato dalla rivista Plos One, che conferma un legame tra problemi cardiaci e psicologici gia’ trovato da altre ricerche. Lo studio ha esaminato i dati di 10mila persone, di cui 309 con fibrillazione atriale, confrontando il loro punteggio in un test per la depressione il cui esito era un voto su una scala da uno a 27.Le persone senza il problema al cuore hanno in media ottenuto un voto pari a 3, mentre quelle con fibrillazione hanno riportato un punto in piu’.Congenital_Cardiac La differenza, spiegano gli autori, non e’ grande in termini individuali, ma se rapportata a una popolazione puo’ costituire un motivo di preoccupazione, anche se lo studio non e’ in grado di dire quale delle due condizioni aumenti il rischio dell’altra.

“I cardiologi dovrebbero essere attenti – scrivono gli autori – e valutare possibili segni di depressione nei loro pazienti”.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x