Rush finale per la 2a edizione d…

Scade il prossimo 31 ot…

Vasi sanguigni funzionali da cel…

Le cellule staminali pl…

A OLBIA L’OPEN DAY “LA SALUTE DE…

Il 26 novembre screening …

Un algoritmo permettera' ad un P…

[caption id="attachment_5…

Tumore alla prostata: presto il …

Prossimi gli esiti dei pr…

Il gene TERC causa dell'invecchi…

[caption id="attachment_5…

Tumore al cervello: scoperta la …

[caption id="attachment_1…

Akitalab, un progetto indipenden…

[DAL SITO] 1° Ricerca Ita…

Alzheimer: scoperto un anticorpo…

Un nuovo studio pubblicat…

La possibilita' di un vaccino an…

[caption id="attachment_8…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

La fibrillazione atriale e la connessione con la depressione

La fibrillazione atriale, una condizione per cui il cuore batte irregolarmente, e’ associata a un maggior rischio di depressione.


Lo ha scoperto uno studio dell’Universita’ di Amburgo pubblicato dalla rivista Plos One, che conferma un legame tra problemi cardiaci e psicologici gia’ trovato da altre ricerche. Lo studio ha esaminato i dati di 10mila persone, di cui 309 con fibrillazione atriale, confrontando il loro punteggio in un test per la depressione il cui esito era un voto su una scala da uno a 27.Le persone senza il problema al cuore hanno in media ottenuto un voto pari a 3, mentre quelle con fibrillazione hanno riportato un punto in piu’.Congenital_Cardiac La differenza, spiegano gli autori, non e’ grande in termini individuali, ma se rapportata a una popolazione puo’ costituire un motivo di preoccupazione, anche se lo studio non e’ in grado di dire quale delle due condizioni aumenti il rischio dell’altra.

“I cardiologi dovrebbero essere attenti – scrivono gli autori – e valutare possibili segni di depressione nei loro pazienti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: