Fibrosi polmonare idiopatica: nu…

L'Ospedale San Camillo Fo…

I risultati dei più innovativi s…

45° CONGRESSO DELLA SOCIE…

Tumori ossei infantili: aiuto da…

Utilizzare le cellule sta…

Genetica: approccio con un nuovo…

Una nuova ricerca statuni…

Approvato farmaco per il trattam…

La Commissione Europea ha…

Diabete di tipo 2: dall'Europa l…

La Commissione per la val…

Il Plerixafor (alleato per trapi…

[caption id="attachment_1…

Superbatteri: nuova molecola a f…

Potrebbe far compiere not…

Virus mini-generatori: negli USA…

Immaginate di ricaricare…

Il gene mutato in grado di auto-…

[caption id="attachment_8…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Vitamina D non efficace in tutti i casi di malattie croniche

Le carenze di vitamina D potrebbero essere una conseguenza, e non una causa di diverse malattie dal diabete al cancro.


Lo afferma una revisione degli studi sul tema pubblicata dalla rivista Lancet Diabetes and Endocrinology, che mette quindi in dubbio l’utilita’ dei supplementi largamente usati dalle persone in salute.  La metanalisi di Philippe Autier dell’International Prevention Research Institute di Lione ha esaminato centinaia di studi osservazionali e trial clinici che hanno coinvolto questa vitamina, di cui si conosce la funzione nel fissare il calcio nelle ossa mentre la relazione con altre malattie e’ ancora controversa.

La ricerca ha mostrato che mentre negli studi osservazionali alti livelli di vitamina sono stati trovati nelle persone sane, nei test fatti sui supplementi le persone che li ricevevano non risultavano piu’ protette dalle malattie, un risultato che secondo l’autore indica che i bassi livelli sono una conseguenza di queste, e non una causa.
“L’associazione trovata negli studi osservazionali non e’ casuale – afferma il ricercatore francese – i bassi livelli potrebbero essere causati da un processo di infiammazione dovuto alle malattie. Alcuni studi piu’ ampi di quelli presi in considerazione, i cui risultati dovrebbero arrivare nel 2017, potrebbero confermare questa ipotesi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi