Botox, viaggia per il corpo dopo…

L’utilizzo delle iniezion…

Nausee in gravidanza: la soluzio…

E' uno dei fastidi piu' …

Potenziare il Pap-test abbinando…

Potenziare il Pap-test co…

Infarti legati a maratone sporti…

Il rischio di arresto car…

Ictus precoci possono causare di…

Gli ictus particolarment…

Campagna rottamazione biberon al…

Fai la cosa giusta: al vi…

Intolleranza al latte: arrivano …

Anche chi soffre di intol…

Come l'olio extravergine aiuta a…

[caption id="attachme…

Plasmodium: i fattori di tollera…

  [caption id="attachm…

DOC Generici: soddisfatti per l’…

Gualtiero Pasquarelli, Am…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumori: aumenta il rischio di decesso per i fumatori che non smettono dopo la diagnosi

Chi riceve una diagnosi di tumore e continua a fumare ha un maggior rischio di morte rispetto a chi invece smette.


Lo afferma uno studio pubblicato dalla rivista Cancer Epidemiology, Biomarkers & Prevention del Cancer Prevention Institute of California. Lo studio e’ stato fatto su quasi 20mila uomini arruolati alla fine degli anni ’80 e seguiti per i successivi 30 anni.smoking Confrontato con chi smette, chi continua a fumare dopo la diagnosi ha un 59 per cento di probabilita’ in piu’ di morte per tutte le cause, mentre rispetto a un non fumatore l’aumento e’ del 79 per cento. La cifra varia a seconda del tumore a cui ci si riferisce. Per quello della vescica l’aumento e’ di 2,95 volte, per i polmoni di 2,36 e per quello colorettale di 2,31.

“I pazienti tumorali hanno un periodo in cui si sottopongono a diverse visite e colloqui con il medico – scrivono gli autori -. I medici devono approfittare di questa finestra di opportunita’ per dare consigli riguardo allo smettere di fumare, e questo studio puo’ essere un buon punto di partenza per le discussioni”.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x