24 maggio: nel Parco Alto Milane…

Busto Arsizio (VA), maggi…

CNR e Istituto FIRC: SLA e cancr…

Uno studio congiunto di C…

Alzheimer: cambiamenti neuropato…

Dopo la morte, i cervell…

Ossido nitrico: non è solo l'age…

Svelata completamente la …

Spiegata correlazione tra emicra…

[caption id="attachment_5…

"Cintura dializzante": il futuro…

[caption id="attachme…

Cancro ai polmoni: in fumatori c…

Elevati livelli di bili…

Dopo traumi, mitocondri scambiat…

[caption id="attachment_6…

Tumori: allo studio un test, per…

Le lacrime potrebbero ave…

Considerati eccessivi e numerosi…

ORLANDO – Si muore sempre…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumori: aumenta il rischio di decesso per i fumatori che non smettono dopo la diagnosi

Chi riceve una diagnosi di tumore e continua a fumare ha un maggior rischio di morte rispetto a chi invece smette.


Lo afferma uno studio pubblicato dalla rivista Cancer Epidemiology, Biomarkers & Prevention del Cancer Prevention Institute of California. Lo studio e’ stato fatto su quasi 20mila uomini arruolati alla fine degli anni ’80 e seguiti per i successivi 30 anni.smoking Confrontato con chi smette, chi continua a fumare dopo la diagnosi ha un 59 per cento di probabilita’ in piu’ di morte per tutte le cause, mentre rispetto a un non fumatore l’aumento e’ del 79 per cento. La cifra varia a seconda del tumore a cui ci si riferisce. Per quello della vescica l’aumento e’ di 2,95 volte, per i polmoni di 2,36 e per quello colorettale di 2,31.

“I pazienti tumorali hanno un periodo in cui si sottopongono a diverse visite e colloqui con il medico – scrivono gli autori -. I medici devono approfittare di questa finestra di opportunita’ per dare consigli riguardo allo smettere di fumare, e questo studio puo’ essere un buon punto di partenza per le discussioni”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi