Respinta la legge 40 dalla Corte…

Respinto, dalla Corte eur…

Insonnia: studiate le differenze…

Le persone che soffrono …

Tumori: curare la depressione mi…

Centinaia di malati di ca…

Clinical Trial Center: nasce al …

Roma, 16 gennaio 2014 – I…

Tumore ovarico: nell'immunoterap…

Oggi la quinta giornata…

Amiloide: proteina responsabile …

[caption id="attachment_9…

L'effetto antinfiammatorio del G…

[caption id="attachment_6…

Ricerca evidenzia il meccanismo …

[caption id="attachme…

Febbre tifoidea: ottimi risultat…

Sono positivi i risultati…

Distrofia di Duchenne: staminali…

Cellule staminali "da un…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumori: aumenta il rischio di decesso per i fumatori che non smettono dopo la diagnosi

Chi riceve una diagnosi di tumore e continua a fumare ha un maggior rischio di morte rispetto a chi invece smette.


Lo afferma uno studio pubblicato dalla rivista Cancer Epidemiology, Biomarkers & Prevention del Cancer Prevention Institute of California. Lo studio e’ stato fatto su quasi 20mila uomini arruolati alla fine degli anni ’80 e seguiti per i successivi 30 anni.smoking Confrontato con chi smette, chi continua a fumare dopo la diagnosi ha un 59 per cento di probabilita’ in piu’ di morte per tutte le cause, mentre rispetto a un non fumatore l’aumento e’ del 79 per cento. La cifra varia a seconda del tumore a cui ci si riferisce. Per quello della vescica l’aumento e’ di 2,95 volte, per i polmoni di 2,36 e per quello colorettale di 2,31.

“I pazienti tumorali hanno un periodo in cui si sottopongono a diverse visite e colloqui con il medico – scrivono gli autori -. I medici devono approfittare di questa finestra di opportunita’ per dare consigli riguardo allo smettere di fumare, e questo studio puo’ essere un buon punto di partenza per le discussioni”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!