Neuroni: scoperto il meccanismo …

E' possibile produrre piu…

Nanotubi di carbonio: come il me…

[caption id="attachment_9…

Creata prima retina da cellule s…

[caption id="attachment_7…

Come il DNA virale viene 'snodat…

[caption id="attachment_5…

Il gene del seme animale che res…

[caption id="attachment_8…

Déjà-vu: spiegato il fenomeno se…

Quante volte pensiamo di …

“L’incanto a Teatro” Torna la II…

Dopo il grande successo d…

Il caldo e l'insufficienza venos…

[caption id="attachment_1…

Obesità: ricerca italiana su leg…

Non si ingrassa solo perc…

Dieta mediterranea: più di ogni …

Olio d'oliva e noci sono …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumori: aumenta il rischio di decesso per i fumatori che non smettono dopo la diagnosi

Chi riceve una diagnosi di tumore e continua a fumare ha un maggior rischio di morte rispetto a chi invece smette.


Lo afferma uno studio pubblicato dalla rivista Cancer Epidemiology, Biomarkers & Prevention del Cancer Prevention Institute of California. Lo studio e’ stato fatto su quasi 20mila uomini arruolati alla fine degli anni ’80 e seguiti per i successivi 30 anni.smoking Confrontato con chi smette, chi continua a fumare dopo la diagnosi ha un 59 per cento di probabilita’ in piu’ di morte per tutte le cause, mentre rispetto a un non fumatore l’aumento e’ del 79 per cento. La cifra varia a seconda del tumore a cui ci si riferisce. Per quello della vescica l’aumento e’ di 2,95 volte, per i polmoni di 2,36 e per quello colorettale di 2,31.

“I pazienti tumorali hanno un periodo in cui si sottopongono a diverse visite e colloqui con il medico – scrivono gli autori -. I medici devono approfittare di questa finestra di opportunita’ per dare consigli riguardo allo smettere di fumare, e questo studio puo’ essere un buon punto di partenza per le discussioni”.

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x