Basta coi lifting: è l'era dei t…

Trapianti di grasso autol…

Autismo: impatti sul cervello di…

L'autismo colpisce d…

Malaria: vaccino con parassiti "…

Molti vaccini contro…

Il presidente dell’EGA auspica u…

I produttori di equivalen…

Piastrine: regioni del genoma ch…

Analizzando milioni di va…

Scienziato italiano scopre fonte…

(ANSA) - Scoperta da uno …

Meningite: funziona la dose di r…

Uno studio sul vaccino 4C…

Cinque volti della nevralgia si …

Bruciante, formicolante, …

Psoriasi: secondo un sondaggio g…

Novartis annuncia che – s…

Frutta secca: diminuisce il risc…

Chi mangia piu' frutta s…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cocaina: nuove armi contro la dipendenza

Ricercatori americani hanno identificato un nuovo meccanismo molecolare con cui la cocaina altera i circuiti di ricompensa del cervello e provoca cosi’ la dipendenza.


I risultati dei loro studi sono stati pubblicati on line sui ‘Proceedings of the National Academy of Sciences’. Eric Nestler e i colleghi del Mount Sinai Hospital hanno condotto un trial preclinico che rivela come un enzima e un gene influenzino il circuito di ricompensa chiave nel cervello, agendo in particolare sul nucleo accumbens.danni_coca In un modello murino, il team ha scoperto che la somministrazione di cocaina aumenta i livelli dell’enzima chiamato Parp-1, che a sua volta provoca influenza anche i geni nel nucleo accumbens, contribuendo a creare la dipendenza dalla droga. E’ la prima volta che il Parp-1 viene collegato con la dipendenza da cocaina: finora era studiato come trattamento del cancro. “Questa scoperta fornisce nuovi indizi per lo sviluppo di farmaci anti-dipendenza”, assicura Nestler, che con il suo team di ricerca sta usando l’enzima Parp per identificare altre proteine regolate dalla cocaina. Successivamente, i ricercatori hanno anche identificato quali geni sono alterati attraverso i cambiamenti epigenetici indotti da Parp-1. C’e’ ad esempio il ‘Sidekick-1′, mai studiato fino a oggi nel cervello ne’ in relazione all’esposizione a cocaina. Utilizzando un sistema di trasferimento genico virale per sovraesprimere il Sidekick-1 nel nucleo accumbens, gli investigatori hanno verificato che questo aumenta non solo gli effetti gratificanti della cocaina, ma ha anche indotto cambiamenti nella morfologia e nelle connessioni sinaptiche dei neuroni in questa regione del cervello, legata alla ricompensa. La ricerca apre dunque a una nuova direzione per il trattamento della dipendenza da cocaina, urgentemente necessaria considerando che i soli dati del Us National Institute of Drug Abuse rivelano che quasi 1,4 milioni di americani soddisfano i criteri per essere definiti dipendenti da questa sostanza stupefacente.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!