AIDS: studio italiano conferma l…

Grazie ai miglioramen…

Cellule tumorali evidenziate dal…

Effettuata per la prima v…

Trapianto cornea: alla Harvard …

[caption id="attachment_6…

Vitamina D: non solo dal sole, m…

Un nuovo studio mostra co…

HIV: in vitro scienziati modific…

Gli scienziati della Ucla…

Fumo: nelle donne in sovrappeso …

Il fumo potrebbe interfe…

Osteoporosi e pH stomaco: vane l…

[caption id="attachme…

Tumori ai polmoni: spettroscopia…

[caption id="attachment_9…

Disidratazione: negativa l'incid…

[caption id="attachment_7…

La dineina, pigro motore delle c…

[caption id="attachment_7…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Diabete di tipo 2, la dieta mediterranea negli anziani ottima per ridurre il rischio di ammalarsi

I pazienti piu’ anziani ad alto rischio di malattie cardiache che seguono una dieta mediterranea ricca di olio extra vergine di oliva non devono limitare le calorie, aumentare l’esercizio fisico o perdere peso per prevenire il diabete, secondo un nuovo studio dell’American College of Physicians pubblicato sugli Annals of Internal Medicine.


Gli interventi sullo stile di vita per indurre la perdita di peso hanno dimostrato di diminuire l’incidenza del diabete del cinquanta per cento. La ricerca ha cercato di determinare se seguire una dieta mediterranea possa ridurre indipendentemente il pericolo di insorgenza di diabete, senza dover anche diminuire calorie, ricorrere all’allenamento fisico e perdere peso. dieta_mediterraneaL’indagine ha coinvolto un campione di 3.500 anziani senza diabete e ad alto rischio di malattie cardiovascolari assegnati in modo casuale a una dieta mediterranea e a una di controllo a basso contenuto di grassi. Dopo quattro anni, i partecipanti che hanno seguito il regime alimentare mediterraneo hanno mostrato una sostanziale e maggiore riduzione del rischio di ammalarsi di diabete di tipo 2.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi