Al Besta messa a punto cura cont…

[caption id="attachment_8…

Italiani sedentari: sovrappeso u…

Sedentari, poco sportivi,…

Cosa fa funzionare i mitocondri

[caption id="attachment_8…

Ricreata in laboratorio l'origin…

[caption id="attachment_6…

Broccoli anti-cancro, ma collabo…

[caption id="attachment_…

Sindrome metabolica: frutta secc…

Le noci e altri tipi di f…

Autismo e schizofrenia condivido…

[caption id="attachment_9…

Il laser di nuova generazione pe…

[caption id="attachment_…

La chiave della 'speciazione' e'…

[caption id="attachment_7…

Disturbo da deficit di attenzion…

È così il vostro bambino?…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Frutta secca: diminuisce il rischio di obesità

Chi mangia piu’ frutta secca ha un minore rischio di essere obeso, oltre che di avere altri fattori di rischio cardiovascolare.


Lo afferma uno studio della Loma Linda University in California pubblicato dalla rivista Plos One, secondo cui 16 grammi di noci, o mandorle o altri frutti al giorno sono la quantita’ “perfetta”. Per lo studio sono stati usati i dati della dieta di 803 persone, da cui e’ emerso che per quelli che consumavano piu’ frutta secca il rischio di obesita’ diminuiva tra il 37 e il 46 per cento.
Mentre l’indice di massa corporea per i maggiori consumatori era intorno a 27, per chi ne mangiava meno di 5 grammi al giorno era tra 29 e 30. Un terzo dei soggetti studiati, spiegano gli autori, aveva anche la sindrome metabolica, una condizione che puo’ preludere al diabete di tipo 2, ma per ogni 30 grammi di frutta secca mangiati in piu’ a settimana il rischio scende del 7 per cento.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x