Il tumore al seno: l'efficienza …

[caption id="attachment_6…

Sindrome di Perlman: trovato gen…

E' stato scovato il gene …

Molta acqua NON è panacea di ben…

(AGI) Bere molta acqua no…

La collaborazione tra filiera e …

Roma, 12 settembre – “Rin…

Allergie: sono buone le prospett…

Le cause del diffondersi …

Soia e Tofu amici della vita ses…

I vegetariani lo fanno me…

Forse si abbandona l'amniocentes…

[caption id="attachment_8…

Screening in piazza con prelievo…

Una malattia che nel mond…

Cancro del seno: in un futuro pr…

Ottobre è il mese di cons…

Una proteina che attiva gli sper…

Si chiama PLCz e avvia un…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

HIV: vaccino italiano sortisce buoni risultati

Bloccare l’attività tossica dell’Hiv, anche quando si è in terapia antiretrovirale.


Ha dimostrato di essere efficace in questa direzione il vaccino terapeutico contro il virus dell’Aids la cui sperimentazione è condotta da un team di ricerca internazionale coordinato dall’italiano Arnaldo Caruso, direttore della Sezione di Microbiologia dell’Università di Brescia.  Gli studi, riportati sulla rivista Vaccine, hanno dimostrato che il virus, anche durante la terapia antiretrovirale che ne impedisce la replicazione, continua a produrre una proteina tossica, la proteina p17, molecola chiave per lo sviluppo di importanti malattie Hiv-correlate quali alterazioni neurologiche, malattie vascolari e tumori che sono la principale causa di morte nei sieropositivi.Il virus, infatti, anche quando è tenuta a bada, continua la sua azione infiammatoria cronicamente.

I risultati della sperimentazione hanno dimostrato che il vaccino terapeutico denominato AT20 non ha effetti collaterali ed è in grado di indurre la formazione di anticorpi capaci di neutralizzare la tossicità della proteina p17 del virus Hiv nel 100% dei soggetti vaccinati. Il vaccino è stato somministrato cinque volte nell’arco di cinque mesi a volontari sieropositivi in trattamento antiretrovirale in quattro centri clinici italiani di riferimento per le malattie infettive: Brescia, Perugia, Torino e Milano.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi