Memorie magnetiche: un nuovo mec…

Un nuovo meccanismo capac…

L'FDA riconosce a XEN402 lo stat…

Gerusalemme, Israele&…

Fattore D: l’importanza di quest…

Dr. Marco Turco: “La vi…

Il COPAXONE® e ulteriori dati em…

Al Fifth Joint Triennial …

LA FEDERAZIONE MEDICO SPORTIVA I…

La “giusta dose” terapeut…

Wheezing ricorrente e asma nei b…

E’ stata inaugurata, oggi…

Dita bioniche restituiscono la m…

Maria Antonia Iglesias è …

Iper lacrimazione: risolutivo l'…

Una nuova tecnica laser p…

Premio Galeno 2009 per la prima …

Raltegravir, farmaco anti…

Lotta al dolore: al summit IMPAC…

A 15 mesi dal varo della …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Fumo passivo raddoppia i ricoveri per attacchi di asma in età pediatrica

Vivere in una casa dove si fuma aumenta molto il rischio che un bambino ricoverato per asma faccia una nuova corsa in ospedale entro un anno.


Lo afferma uno studio pubblicato dalla rivista ‘Pediatrics’ del Cincinnati Children’s Hospital Medical Center, secondo cui la misura dell’esposizione dei bimbi potrebbe essere usata per incentivare i genitori a smettere di fumare.   I ricercatori hanno misurato la cotinina, una sostanza prodotta quando il corpo metabolizza la nicotina che da’ un’indicazione dell’esposizione, nel sangue e nella saliva di 600 bambini che erano stati ricoverati per forti attacchi d’asma. Tutti i bimbi sono stati seguiti per un anno, al termine del quale e’ emerso che la probabilita’ di un nuovo ricovero era doppia in quelli con l’esposizione maggiore al fumo passivo.

“Questa misura dell’esposizione al tabacco – scrivono gli autori – potrebbe essere usata per individuare persone da sottoporre a terapie per smettere di fumare, come il counseling”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi