Glaucoma: sintomi ridotti da vin…

Vino rosso (ma in quantit…

Probiotici: scienziati irlandesi…

Alcuni ricercatori finanz…

Nasce il network della ricerca c…

Stadler (Grünenthal Ita…

Enzima antivirale dietro l'insor…

Più che altri fattori…

Ernia: nuove soluzioni in regime…

Dal XXXV Congresso de…

Salute, il rapporto: 70% dei tum…

Com'e' lo stato di salute…

Fumo: dai pneumologi un secco "n…

BPCO, ovvero broncopn…

A Copenaghen si è conclusa la Co…

Il Presidente Onorario …

Pillola contraccettiva: compie m…

Mezzo secolo fa veniva ve…

Fino al 31 dicembre #nonmiarrend…

LE STELLE DEL PULITO AL S…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Displasia broncopolmonare nei nati pretermine: utili le staminali nella cura

I neonati prematuri hanno un rischio maggiore di sviluppare displasia broncopolmonare (Bpd), una grave malattia polmonare tra le principali cause di morte o complicazioni.


Un nuovo studio pubblicato sul ‘Journal of Pediatrics’ ha valutato la possibilita’ di utilizzare la terapia con cellule staminali per prevenire o trattare questa patologia nei bebe’ venuti al mondo prima del tempo.    La ricerca e’ stata condotta da Won Soon Park del Samsung Medical Center e del Biomedical Research Institute di Seul. L’indagine ha valutato l’efficacia del trapianto intratracheale di cellule staminali mesenchimali derivate dal cordone ombelicale su nove bambini nati tra la 24esima e la 26esima settimana di gestazione, ad alto rischio quindi di sviluppare displasia broncopolmonare. Tutti i piccoli pazienti che hanno ricevuto il trattamento hanno tollerato la procedura molto bene senza alcun effetto collaterale o avverso grave immediato. Il 33 per cento dei neonati ha sviluppato displasia moderata e nessuno ha sviluppato la forma grave.

Lo studio, ancora in fase I, suggerisce che la somministrazione endotracheale di cellule staminali mesenchimali e’ sicura e fattibile per la prevenzione e il trattamento della Bpd.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi