Cinque anni di Legge 38: più luc…

Roma, 13 Marzo 2015 – “Le…

Glicemia: nuovo sistema per misu…

Le persone ammalate di di…

29 OTTOBRE 2009: V GIORNATA MOND…

Annunciato da Alice I…

Dal liquido amniotico cellule st…

Uno studio pubblicato su…

Sclerosi Multipla: attesi i risu…

La ricerca sulla sclerosi…

Le opinioni altrui hanno un'infl…

Anche se a tutti piace pe…

Epatite C: al vaglio dell'EMA l'…

Bristol-Myers Squibb ha a…

Cannabis legalizzata: ma in Colo…

In Colorado la proporzion…

Biotecnologie dedicate al "sorri…

Secondo un vecchio detto,…

Nuova terapia contro obesità e d…

Due professori credon…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Displasia broncopolmonare nei nati pretermine: utili le staminali nella cura

I neonati prematuri hanno un rischio maggiore di sviluppare displasia broncopolmonare (Bpd), una grave malattia polmonare tra le principali cause di morte o complicazioni.


Un nuovo studio pubblicato sul ‘Journal of Pediatrics’ ha valutato la possibilita’ di utilizzare la terapia con cellule staminali per prevenire o trattare questa patologia nei bebe’ venuti al mondo prima del tempo.    La ricerca e’ stata condotta da Won Soon Park del Samsung Medical Center e del Biomedical Research Institute di Seul. L’indagine ha valutato l’efficacia del trapianto intratracheale di cellule staminali mesenchimali derivate dal cordone ombelicale su nove bambini nati tra la 24esima e la 26esima settimana di gestazione, ad alto rischio quindi di sviluppare displasia broncopolmonare. Tutti i piccoli pazienti che hanno ricevuto il trattamento hanno tollerato la procedura molto bene senza alcun effetto collaterale o avverso grave immediato. Il 33 per cento dei neonati ha sviluppato displasia moderata e nessuno ha sviluppato la forma grave.

Lo studio, ancora in fase I, suggerisce che la somministrazione endotracheale di cellule staminali mesenchimali e’ sicura e fattibile per la prevenzione e il trattamento della Bpd.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!