Depressione: livelli di folato e…

Scarsi livelli di vitamin…

Epilessia, scoperta cura genica…

[caption id="attachme…

Scoperto un gene che rafforza il…

[caption id="attachme…

[Nobel 2012] Premio Nobel per la…

Il britannico John Gurdo…

Dormire meno di sei ore a notte,…

Dormire meno di 6 ore aum…

Vaccino contro il cancro alla ce…

Meno delle tre dosi previ…

Cancro al seno: decodificati i g…

[caption id="attachment…

L’aumento della spesa privata in…

La scelta di mettere on-l…

Antidepressivi: prozac raffredda…

Nuovi antidepressivi osta…

Tricologi lanciano allarme perdi…

I film ci propongono sem…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumori: il fattore di crescita elevato predittivo dell’efficacia immunoterapia

La scarsa risposta al trattamento immunoterapico con ipilimumab, nei pazienti con melanoma avanzato, potrebbe essere predetta grazie ad alti livelli di Vegf, la proteina del fattore di crescita vascolare endoteliale.


Lo studio della Harvard Medical School in Boston e’ stato pubblicato sulla rivista Cancer Immunology Research.Lo studio suggerisce inoltre che una combinazione fra immunoterapia con inibitori Vegf, anche nota come inibizione dell’angiogenesi, potrebbe rappresentare una potenziale opzione per questi pazienti.

Azione anti-VEGF

Azione anti-VEGF

I risultati delle osservazioni condotte su 176 pazienti con melanoma metastatico hanno mostrato che quelli con elevati livelli di Vegf nel flusso sanguigno prima del trattamento con ipilimumab ne traevano scarso beneficio clinico e vivevano il 60 per cento di probabilita’ in piu’ di trovare la morte a causa di questa malattia, rispetto a quelli che avevano livelli sensibilmente minori prima di cominciare la terapia immunitaria. I pazienti avevano fra 16 e 91 anni e la maggior parte di essi era al quarto stadio tumorale.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi