Quattromila composti chimici nel…

Il database è accessibile…

Alzheimer: fibrille proteine tau…

Le malattie del cervello …

Una Farmacopea con meno burocraz…

L’Istituto Superiore di…

Memoria e capacità cognitive: il…

Secondo un nuovo studio i…

Tumori al rene: promettente la r…

Uno studio verifica la si…

Dolore: i medici potranno sentir…

L'arma segreta dei grandi…

ADUC: USA stanzia 4,5 mld per un…

NeoStem, con base nel New…

Colite ulcerosa: ingerire dei ve…

[caption id="attachment_1…

Biotecnologie dedicate al "sorri…

Secondo un vecchio detto,…

Leucemia linfoblastica acuta phi…

[caption id="attachment_7…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumori: il fattore di crescita elevato predittivo dell’efficacia immunoterapia

La scarsa risposta al trattamento immunoterapico con ipilimumab, nei pazienti con melanoma avanzato, potrebbe essere predetta grazie ad alti livelli di Vegf, la proteina del fattore di crescita vascolare endoteliale.

Lo studio della Harvard Medical School in Boston e’ stato pubblicato sulla rivista Cancer Immunology Research.Lo studio suggerisce inoltre che una combinazione fra immunoterapia con inibitori Vegf, anche nota come inibizione dell’angiogenesi, potrebbe rappresentare una potenziale opzione per questi pazienti.

Azione anti-VEGF

Azione anti-VEGF

I risultati delle osservazioni condotte su 176 pazienti con melanoma metastatico hanno mostrato che quelli con elevati livelli di Vegf nel flusso sanguigno prima del trattamento con ipilimumab ne traevano scarso beneficio clinico e vivevano il 60 per cento di probabilita’ in piu’ di trovare la morte a causa di questa malattia, rispetto a quelli che avevano livelli sensibilmente minori prima di cominciare la terapia immunitaria. I pazienti avevano fra 16 e 91 anni e la maggior parte di essi era al quarto stadio tumorale.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!