Peperoncino e obesità: la capsai…

La capsaicina, sostanza c…

Rituximab migliora sopravvivenza…

Roche ha annunciato i dat…

Merck Serono: studio CELIM sui r…

[caption id="attachme…

Tricotillomania e dieta: quale l…

[caption id="attachment_1…

Melanoma: nel potenziale di memb…

Un cambiamento nel potenz…

All’Aquila riapre la prima farma…

L’impegno della Federazio…

LA SIPPS plaude alla diminuzione…

Da anni la Società Italia…

Positivi i PRIMI risultati del t…

[caption id="attachme…

Importante studio sull’origine a…

[caption id="attachment_6…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumori: il fattore di crescita elevato predittivo dell’efficacia immunoterapia

La scarsa risposta al trattamento immunoterapico con ipilimumab, nei pazienti con melanoma avanzato, potrebbe essere predetta grazie ad alti livelli di Vegf, la proteina del fattore di crescita vascolare endoteliale.


Lo studio della Harvard Medical School in Boston e’ stato pubblicato sulla rivista Cancer Immunology Research.Lo studio suggerisce inoltre che una combinazione fra immunoterapia con inibitori Vegf, anche nota come inibizione dell’angiogenesi, potrebbe rappresentare una potenziale opzione per questi pazienti.

Azione anti-VEGF

Azione anti-VEGF

I risultati delle osservazioni condotte su 176 pazienti con melanoma metastatico hanno mostrato che quelli con elevati livelli di Vegf nel flusso sanguigno prima del trattamento con ipilimumab ne traevano scarso beneficio clinico e vivevano il 60 per cento di probabilita’ in piu’ di trovare la morte a causa di questa malattia, rispetto a quelli che avevano livelli sensibilmente minori prima di cominciare la terapia immunitaria. I pazienti avevano fra 16 e 91 anni e la maggior parte di essi era al quarto stadio tumorale.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x