Rapamicina: ecco come rallenta l…

Scienziati dell'Univers…

Tumore al colon: regolato da un …

Anche il cancro al colon,…

Acqua di rete: un milione di ita…

Arsenico e altre sostanze…

Un gene che orchestra invecchiam…

[caption id="attachment_6…

USA: staminali per produrre ovul…

I testi scientifici sulla…

Quando i Linfociti helper non fa…

[caption id="attachment_7…

A rischio servizio agli utenti e…

Cancellata da una legge r…

Si apre oggi a Pavia il I Congre…

Pavia, 22 ottobre 2016. S…

Mamma, vado all’asilo. Tutti i c…

Decidere di mandare un ba…

Parole del dolore”: un progetto …

Quasi 1 paziente su 2 è d…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Vitamina D, la carenza può compromettere il sistema immunitario

Secondo uno studio che compare sulla rivista Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism, un deficit di vitamina D potrebbe compromettere la funzione immunitaria.


La ricerca condotta da Mary Ward e colleghi della University of Ulster di Coleraine, Regno Unito, ha mostrato che gli individui piu’ anziani con deficit di vitamina D tendono ad avere una funzione immunitaria compromessa.  I dati, a quanto sostengono i ricercatori, suggeriscono che la vitamina D potrebbe svolgere un ruolo nel mantenimento della salute del sistema immunitario, oltre che di quello scheletrico. Si tratta del primo studio che trova una connessione fra i livelli di vitamina D e i processi infiammativi i un grande campione di individui anziani.

La ricerca ha coinvolto 957 adulti irlandesi di almeno 60 anni; i partecipanti che avevano livelli di vitamina D piu’ bassi avevano maggiori probabilita’ di avere biomarcatori di infiammazione nel sangue, che sono legati a malattie cardiovascolari o a condizioni come artrite reumatoide o sclerosi multipla.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi