Leucemie: farmaci in grado di el…

Un team internazionale di…

Fluttuazioni di geni non sempre …

[caption id="attachment_6…

Melanoma: comprenderlo dalla div…

Comunicato stampa - Messo…

EMA accetta la sottomissione di …

Tolvaptan è stato svilupp…

Giornata Epilessia: la SIN ribad…

Roma, 30 aprile 2015 – Nu…

Perdita dell'udito nella displas…

Un gruppo di ricercatori …

La rigenerazione del midollo spi…

Concluso con successo un …

Tumori cerebrali: stimolare il c…

Un gruppo di ricercatori…

Diabete: esercizi moderati per r…

Esercizi di moderata …

Epatocarcinoma: la sinergia di p…

L’epatocarcinoma è una pa…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cellule B: studio potrebbe confermare corresponsabilità acutizzazione malattie autoimmuni

Un gruppo di scienziati del Max Planck Institute of Immunobiology and Epigenetics di Friburgo ha scoperto che le cellule di tipo B potrebbero aggravare le malattie autoimmuni.


In particolare, se i linfociti di tipo B mancano di una proteina, la PTP1B, le cellule diventeranno iperattive nei loro segnali stimolatori e potranno quindi promuovere un attacco autoimmune.cellule Questo studio offre una ulteriore spiegazione sulle modalita’ secondo cui le cellule B regolano la risposta immunitaria. Gli studiosi, guidati da Michael Reth, hanno analizzato il ruolo elle cellule B in pazienti che soffrono di artrite reumatoide. Nei casi di questa patologia che non rispondono ai trattamenti convenzionali, i pazienti vengono sottoposti al farmaco Rituximab. ”Le cellule di tipo B prodotte dopo la terapia con questo farmaco possiedono quantita’ di proteina PTP1B simili a quelle delle persone sane. Questa proteina potrebbe quindi contribuire ad avere reazioni autoimmuni meno gravi”, ha concluso Reth. .

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x