Cellule staminali: il segreto de…

Svelato il segreto ch…

Mieloma Multiplo: individuati al…

Il mieloma multiplo è una…

Cellule staminali per riparare l…

Approvato il primo farmac…

OMS rende accessibile vaccino co…

L'Organizzazione mondial…

Tumori al cervello, una nuova te…

Le metastasi al cervello,…

Quando l’allergia da punture d’i…

I pediatri della Società …

Cellule staminali: il turismo sp…

Il primo caso di presunt…

La pillola non teme l’inverno

Molte donne sono convinte…

La combinazione di due farmaci a…

[caption id="attachment_1…

Uova in gestazione, prevengono d…

L’assunzione di colina, l…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cellule B: studio potrebbe confermare corresponsabilità acutizzazione malattie autoimmuni

Un gruppo di scienziati del Max Planck Institute of Immunobiology and Epigenetics di Friburgo ha scoperto che le cellule di tipo B potrebbero aggravare le malattie autoimmuni.


In particolare, se i linfociti di tipo B mancano di una proteina, la PTP1B, le cellule diventeranno iperattive nei loro segnali stimolatori e potranno quindi promuovere un attacco autoimmune.cellule Questo studio offre una ulteriore spiegazione sulle modalita’ secondo cui le cellule B regolano la risposta immunitaria. Gli studiosi, guidati da Michael Reth, hanno analizzato il ruolo elle cellule B in pazienti che soffrono di artrite reumatoide. Nei casi di questa patologia che non rispondono ai trattamenti convenzionali, i pazienti vengono sottoposti al farmaco Rituximab. ”Le cellule di tipo B prodotte dopo la terapia con questo farmaco possiedono quantita’ di proteina PTP1B simili a quelle delle persone sane. Questa proteina potrebbe quindi contribuire ad avere reazioni autoimmuni meno gravi”, ha concluso Reth. .

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!