Un singolo gene responsabile del…

Un singolo gene potrebbe …

Cancro alla bocca: anche il caff…

Bere più di quattro tazze…

IL PAZIENTE ONCOLOGICO E INTERNE…

Dall’analisi del comporta…

Quel che resta del ricordo e' so…

[caption id="attachment_6…

Le vie cerebrali del gusto

Anche per questo senso es…

Progetto Behta: oncologi oggi a …

Senigallia, 2 Maggio – …

Il nostro sistema immunitario sp…

Il 29 aprile si celebra l…

Controllare i battiti cardiaci t…

[caption id="attachment_8…

Malattia di Huntington: ancora n…

L’attuale mancanza di una…

Un test del DNA predice la possi…

[caption id="attachme…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cellule B: studio potrebbe confermare corresponsabilità acutizzazione malattie autoimmuni

Un gruppo di scienziati del Max Planck Institute of Immunobiology and Epigenetics di Friburgo ha scoperto che le cellule di tipo B potrebbero aggravare le malattie autoimmuni.


In particolare, se i linfociti di tipo B mancano di una proteina, la PTP1B, le cellule diventeranno iperattive nei loro segnali stimolatori e potranno quindi promuovere un attacco autoimmune.cellule Questo studio offre una ulteriore spiegazione sulle modalita’ secondo cui le cellule B regolano la risposta immunitaria. Gli studiosi, guidati da Michael Reth, hanno analizzato il ruolo elle cellule B in pazienti che soffrono di artrite reumatoide. Nei casi di questa patologia che non rispondono ai trattamenti convenzionali, i pazienti vengono sottoposti al farmaco Rituximab. ”Le cellule di tipo B prodotte dopo la terapia con questo farmaco possiedono quantita’ di proteina PTP1B simili a quelle delle persone sane. Questa proteina potrebbe quindi contribuire ad avere reazioni autoimmuni meno gravi”, ha concluso Reth. .

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x