Stress ossidativo: Telethon svel…

Dalla ricerca Telethon su…

CNR: sara' in firma su un appare…

[caption id="attachment_…

Tumore al polmone: dopo il fumo …

La 'Relazione sullo stato…

Perché il resveratrolo fa bene a…

Scienziati hanno scoperto…

Gravidanza extrauterina: primo i…

Fumare prima del concepim…

Il presidente dell’EGA auspica u…

I produttori di equivalen…

Quando un semplice esame del san…

[caption id="attachme…

Tumore alla prostata: la chemiot…

Il tumore della prostata …

Arriva il pancreas bionico per i…

E' l'evoluzione di un pro…

Morbo di Batten, malattia (sempr…

[caption id="attachment_1…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cellule B: studio potrebbe confermare corresponsabilità acutizzazione malattie autoimmuni

Un gruppo di scienziati del Max Planck Institute of Immunobiology and Epigenetics di Friburgo ha scoperto che le cellule di tipo B potrebbero aggravare le malattie autoimmuni.


In particolare, se i linfociti di tipo B mancano di una proteina, la PTP1B, le cellule diventeranno iperattive nei loro segnali stimolatori e potranno quindi promuovere un attacco autoimmune.cellule Questo studio offre una ulteriore spiegazione sulle modalita’ secondo cui le cellule B regolano la risposta immunitaria. Gli studiosi, guidati da Michael Reth, hanno analizzato il ruolo elle cellule B in pazienti che soffrono di artrite reumatoide. Nei casi di questa patologia che non rispondono ai trattamenti convenzionali, i pazienti vengono sottoposti al farmaco Rituximab. ”Le cellule di tipo B prodotte dopo la terapia con questo farmaco possiedono quantita’ di proteina PTP1B simili a quelle delle persone sane. Questa proteina potrebbe quindi contribuire ad avere reazioni autoimmuni meno gravi”, ha concluso Reth. .

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi