Salute - Cittadinanzattiva: repa…

Il servizio di terapia d…

il DNA: le funzioni che hanno, f…

Alcuni meccanismi di prot…

Insulina e temperatura corporea:…

L'insulina è l'ormone sec…

Al via la sperimentazione a base…

[caption id="attachment_7…

Diabete: individuata soglia spec…

L'American Diabetes Assoc…

Sangue: usare la luce per esamin…

Buone notizie per chi ha …

Feste natalizie tra picco di inf…

Roma, 19 dicembre 2018 - …

Molecole per fermare i prioni

Nuovi polimeri auto-illum…

DNA batterico organizzato come t…

La bronchite e la polmoni…

Smettere di fumare porta al cuor…

Smettere di fumare potreb…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cellule B: studio potrebbe confermare corresponsabilità acutizzazione malattie autoimmuni

Un gruppo di scienziati del Max Planck Institute of Immunobiology and Epigenetics di Friburgo ha scoperto che le cellule di tipo B potrebbero aggravare le malattie autoimmuni.


In particolare, se i linfociti di tipo B mancano di una proteina, la PTP1B, le cellule diventeranno iperattive nei loro segnali stimolatori e potranno quindi promuovere un attacco autoimmune.cellule Questo studio offre una ulteriore spiegazione sulle modalita’ secondo cui le cellule B regolano la risposta immunitaria. Gli studiosi, guidati da Michael Reth, hanno analizzato il ruolo elle cellule B in pazienti che soffrono di artrite reumatoide. Nei casi di questa patologia che non rispondono ai trattamenti convenzionali, i pazienti vengono sottoposti al farmaco Rituximab. ”Le cellule di tipo B prodotte dopo la terapia con questo farmaco possiedono quantita’ di proteina PTP1B simili a quelle delle persone sane. Questa proteina potrebbe quindi contribuire ad avere reazioni autoimmuni meno gravi”, ha concluso Reth. .

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi