La pillola dei 5 giorni dopo dal…

Dal 2015 il farmaco potre…

Caldo: dall'Euterococco alla zuc…

Estate è sinonimo di ma…

Schizofrenia: studiato un possib…

Nel corso della ricerca s…

Chirurgia toracica video-assisti…

Presso il Centro Congre…

NATURE NEUROSCIENCE: Identificat…

Si aggiunge un tassello a…

Curcuma: studio sul potere rigen…

La nota spezia, già ogget…

Dal veleno di scorpioni, serpent…

Le loro tossine possono e…

Diabete: prevenirlo con i "batte…

I batteri intestinali, o …

Terapie oncologiche a misura di …

Un malato di cancro su 3 …

Ictus: alti livelli di tungsteno…

Nuove ricerche rivelano c…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Colesterolo: il livello varia col variare delle stagioni

I livelli di colesterolo variano in base al periodo dell’anno con profili lipidici piu’ negativi e pericolosi nei mesi piu’ freddi, una tendenza che potrebbe dipendere dai cambiamenti comportamentali correlati al susseguirsi delle stagioni.


Lo ha scoperto un nuovo studio presentano alla 63esima sessione scientifica annuale dell’American College of Cardiology. Precedenti ricerche hanno dimostrato che attacchi di cuore e morti associate aumentano durante i mesi invernali.   L’indagine condotta dai ricercatori del Johns Hopkins Ciccarone Center for the Prevention of Heart Disease conferma l’esistenza di una chiara associazione anche tra diverse stagioni e picchi o crolli di colesterolo “cattivo”. Tutto dipenderebbe dalle abitudini che tendiamo ad adottare a seconda del periodo dell’anno. “In estate tendiamo a uscire di piu’, a muoverci, a fare molta piu’ attivita’ all’aperto e ad adottare comportamenti piu’ sani in generale”, ha spiegato Parag Joshi, tra i responsabili dello studio, “mentre nei mesi piu’ freddi tendiamo a rinchiuderci nelle nostre ‘tane’, a mangiare cibi piu’ grassi e calorici perche’ consolatori e a fare meno esercizio fisico, peggiorando di conseguenza i tassi di colesterolo LDL”.

Un’ipotesi in piu’ e’ che la minore esposizione al Sole comporti in inverno anche una riduzione delle concentrazioni di vitamina D, associata a livelli piu’ elevati di colesterolo.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!