Il gene mutato in grado di auto-…

[caption id="attachment_8…

Lavoro notturno: e nel corpo si …

Il lavoro notturno getta …

Arte e Pelle, una mostra nel 'Te…

Al Policlinico di Milano …

La soglia del dolore scandita da…

[caption id="attachment_…

Diabete: lenti a contatto cangia…

Per molti diabietici l'un…

Ferite difficili: sostituti cuta…

Incoraggianti prospettive…

Epatite C: Italia tra i paesi co…

L'Italia risulta fra i Pa…

Malattia di Fabry: la bioinforma…

La terapia è ancora in fa…

Allergie: la febbre da fieno è l…

Le allergie stagionali po…

Procreazione: il Censis comunica…

Tra le questioni di bioet…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Leucemia: individuata mutazione nei geni che ne favorisce la recidiva

Un team di ricercatori dell’Universita’ di Harvard ha identificato una mutazione presente nei casi di leucemia linfoblastica acuta che probabilmente favorisce le ricadute.


Lo studio, pubblicato sulla rivista Cancer Cell, potrebbe tradursi in un miglioramento delle strategie di cura dei pazienti affetti da questa particolare tipologia di tumore del sangue che tipicamente affligge i bambini anche se e’ piu’ letale negli adulti.  Dalle analisi e’ emerso che almeno la meta’ delle cellule leucemiche responsabili delle recidive possiede una mutazione che attiva il percorso Akt che rende le cellule resistenti alle comuni terapie, aumentandone la crescita.
Inibendo il percorso Akt, lo studio ha ripristinato le risposte normali delle cellule leucemiche alla chemioterapia. “Il percorso Akt – hanno spiegato gli autori – sembra essere uno dei principali driver della resistenza alle terapie, oltre ad avere un ruolo nell’aumentare la crescita complessiva delle cellule leucemiche e la frazione di cellule in grado di indurre le ricadute.

Il nostro lavoro aiutera’ in futuro ad identificare i pazienti maggiormente vulnerabili alle recidive”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi