Al Quarto World CTC Summit di Be…

Bologna,  24 aprile 2012–…

Il ritalin nella sindrome da ipe…

[caption id="attachment_6…

Tumori: all'IRE una lecture su t…

Aumentare l'efficacia del…

Risonanza magnetica al menisco: …

[caption id="attachment_1…

Linfoma non-Hodgkin: il vaccino.

L’ICGEB e l’Università di…

Il caffè e il buonumore

Il caffè pare abbia l…

Incubo Fibroma Uterino per una d…

ULIPRISTAL ACETATO 5MG: I…

Carcinoma midollare tiroideo: ar…

[caption id="attachment_6…

Al via la Campagna #NoiFermiamoL…

Janssen Italia e il Comun…

Cervello: funzionalita' comprome…

[caption id="attachment_5…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Malattie mitocondriali: si valuta un potenziale bersaglio

Scoperto un potenziale biomarker per il trattamento delle malattie mitocondriali da un gruppo di ricercatori del Whitehead Institute for Biomedical Research.


I mitocondri, definiti spesso “le centrali elettriche cellulari” per la generazione della fonte chiave di energia adenosina trifosfato (ATP), sono essenziali per la normale funzionalita’ delle cellule.
mitocondrio

mitocondrio

Difetti mitocondriali sono spesso osservati in diverse malattie, inclusi cancro, Alzheimer e Parkinson, e sono la caratteristica di una serie di disturbi genetici, le cui manifestazioni variano dalla debolezza muscolare all’insufficienza degli organi. Lo studio statunitense offre adesso una potenziale strada per “salvare” le cellule che soffrono di disfunzione mitocondriale, scoperta che potrebbe portare a nuove terapie per questa condizione.

Sopprimendo la funzione mitocondriale attraverso l’antimicina, i ricercatori hanno visto che le cellule con mutazioni che inattivavano il gene ATPIF1 risultavano protette dalla perdita della suddetta funzione. Dagli esperimenti effettuati sui topi e’ emerso, inoltre, che sbarazzandosi dell’ATPIF1 e’ possibile aiutare le cellule a “sopravvivere” alla disfunzione mitocondriale. Lo studio e’ stato pubblicato su ‘Cell Reports’.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi