Questione Bayer: i sensazionali…

Già un anno fa l’Ema e l’…

Radicali liberi: i nemici del si…

I radicali liberi attacca…

SItI e Sanofi Pasteur MSD: partn…

Due giorni di formazion…

Gravidanza breve se preceduta da…

La durata di una gravida…

Asma: quanto incide il rapido sv…

I neonati che crescono pi…

Elisir di lunga vita? Alimentazi…

Nessun ingrediente miraco…

Rigenerazione tessuti cardiaci d…

Saranno consegnati a Ot…

Oppio altera centri cerebrali di…

L'uso dell'oppio altera l…

Sindrome di Sjogren: idrossiclor…

I pazienti affetti dalla …

Diabete e obesità: trovati gli e…

Inibire l'azione di alcun…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumori: nanoparticelle che producono calore, in grado di debellare cellule malate.

Le nanoparticelle hanno un grande potenziale in medicina: per esempio, possono essere veicolo di sostanze attive oppure uccidere cellule tumorali tramite calore.

I ricercatori dell’ETH di Zurigo hanno sviluppato particele che sono relativamente facili da produrre e hanno un ampio raggio di applicazioni.  Se si mette la mano accanto a una torcia accesa, nel buio, sembra colorarsi di rosso. Questo perche’ i fasci di luce rossa hanno una lunghezza d’onda che penetra piu’ efficacemente della breve lunghezza d’onda della luce blu il tessuto umano. I ricercatori dell’ETH hanno sfruttato questa proprieta’ per produrre un nuovo tipo di nanoparticelle: le cosiddette ‘particelle plasmoniche’, che si riscaldano quando assorbono la luce nel vicino infrarosso.

Questo tipo di approccio potrebbe consentire alle nanoparticelle di uccidere il tessuto tumorale con il calore, per esempio. La ricerca e’ stta pubblicata sulla rivista Advanced Functional Materials.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!