Al Quarto World CTC Summit di Be…

Bologna,  24 aprile 2012–…

Il ritalin nella sindrome da ipe…

[caption id="attachment_6…

Tumori: all'IRE una lecture su t…

Aumentare l'efficacia del…

Risonanza magnetica al menisco: …

[caption id="attachment_1…

Linfoma non-Hodgkin: il vaccino.

L’ICGEB e l’Università di…

Il caffè e il buonumore

Il caffè pare abbia l…

Incubo Fibroma Uterino per una d…

ULIPRISTAL ACETATO 5MG: I…

Carcinoma midollare tiroideo: ar…

[caption id="attachment_6…

Al via la Campagna #NoiFermiamoL…

Janssen Italia e il Comun…

Cervello: funzionalita' comprome…

[caption id="attachment_5…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumori: nanoparticelle che producono calore, in grado di debellare cellule malate.

Le nanoparticelle hanno un grande potenziale in medicina: per esempio, possono essere veicolo di sostanze attive oppure uccidere cellule tumorali tramite calore.


I ricercatori dell’ETH di Zurigo hanno sviluppato particele che sono relativamente facili da produrre e hanno un ampio raggio di applicazioni.  Se si mette la mano accanto a una torcia accesa, nel buio, sembra colorarsi di rosso. Questo perche’ i fasci di luce rossa hanno una lunghezza d’onda che penetra piu’ efficacemente della breve lunghezza d’onda della luce blu il tessuto umano. I ricercatori dell’ETH hanno sfruttato questa proprieta’ per produrre un nuovo tipo di nanoparticelle: le cosiddette ‘particelle plasmoniche’, che si riscaldano quando assorbono la luce nel vicino infrarosso.

Questo tipo di approccio potrebbe consentire alle nanoparticelle di uccidere il tessuto tumorale con il calore, per esempio. La ricerca e’ stta pubblicata sulla rivista Advanced Functional Materials.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi