Sclerosi Multipla: risonanza mag…

La risonanza magnetica è …

Alzheimer, un'iniezione a settim…

Un'iniezione settimanale …

Il cervello si serve di due mole…

Decodificati i circuiti c…

Una variante genetica risulta de…

[caption id="attachment_1…

Tumore al colon: nuovo marker tu…

Il risultato può essere c…

Biotecnologie dedicate al "sorri…

Secondo un vecchio detto,…

Cellule staminali: il virus dell…

Il virus dell'Aids puo' e…

Approvato nuovo farmaco contro t…

Approvato nuovo farmaco …

Disfunzione erettile: potrebbe n…

I medici avvertono che sp…

Cellule staminali: la Cina ferma…

La Cina ha ordinato di fe…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

12mila nuovi casi l’anno di malattie ematologiche negli anziani

cellule ematopoietiche

cellule ematopoietiche

Al Policlinico di Milano una ‘corsia preferenziale’ per diagnosi tempestive
Ogni anno in Italia si contano circa 3mila nuovi casi di leucemia linfatica cronica nelle persone con più di 65 anni. Altrettanti casi si verificano per diverse altre malattie del sangue, come il mieloma multiplo o la leucemia mieloide acuta. Le prime quattro malattie del sangue più frequenti arrivano a contare circa 12mila nuovi casi ogni anno: è una vera e propria emergenza, soprattutto perché nei pazienti anziani, spesso a causa di altre patologie concomitanti, si arriva tardi alla diagnosi.

Per questo alla Fondazione Ca’ Granda Policlinico di Milano è stato creato il Centro per la Diagnosi Ematologica dell’Anziano (DemA): si tratta di una vera e propria corsia preferenziale per velocizzare l’accesso alla diagnosi per le persone con più di 65 anni, che permetterà di ‘prendere in tempo’ circa 150 casi in più ogni anno solo a Milano.

Il nuovo Centro nasce dalla volontà della Fondazione per l’assistenza e lo studio dei malati ematologici (Asme), associazione di volontariato che collabora con il Policlinico, e da una donazione di 500mila euro di Anna Teresa Maiolo, storica ematologa dell’Ospedale. La professoressa Maiolo è anche presidente della Fondazione Asme, ed è stata direttore della prima unità operativa di ematologia dell’Ospedale Maggiore Policlinico. Grazie ad un’apposita convenzione, Fondazione Asme e Policlinico hanno costituito questo centro “con l’obiettivo – spiegano i responsabili – di costituire un punto di riferimento per i pazienti anziani, per i quali il medico di medicina generale o altro specialista ravvisi problemi di tipo ematologico che necessitino di un approfondimento diagnostico e, se del caso, una terapia specifica”.

Il Centro si integra con l’Unità operativa di Oncoematologia della Fondazione Ca’ Granda, e di fatto costituisce “un percorso privilegiato per i pazienti anziani, garantendo oltre che all’accesso la possibilità di consulenza da parte dei medici ematologi ai medici di altre specialità”. I temi chiave di questa collaborazione, quindi, sono la diagnosi il più possibile tempestiva, ma anche la garanzia delle migliori cure disponibili e l’impegno nella ricerca scientifica per le malattie ematologiche dell’anziano.

Responsabile del Centro DemA è Agostino Cortelezzi, direttore dell’Oncoematologia del Policlinico. Al Centro, rivolto ai pazienti dai 65 anni in su, si accede con un’impegnativa del medico di medicina generale o di un altro specialista che prescriva una visita ematologica. Si può prenotare sia telefonicamente (chiamando lo 02-5503-4034, sia a voce sia lasciando un messaggio in segreteria telefonica) sia via email (all’indirizzo dema@policlinico.mi.it). E’ previsto il pagamento del ticket per i pazienti che non sono esenti. Il tempo di attesa per la visita è stimato in dieci giorni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: