Dermatologia: la salute della pe…

Molte patologie cutanee, …

IL RUOLO DELLA AUTOIMMUNITÀ TIRO…

Kris Poppe*, Brigitte V…

Staminali e rigenerazione di tes…

Ricercatori Ospedale Magg…

Se la celiachia fosse generata d…

Avere a che fare con dive…

Tumore al fegato: al Gemelli pri…

Il primo trattamento di …

Colesterolo: un aiuto per "sciog…

Un aiuto contro il colest…

Superbatteri: una mina per tutti…

La piaga dei batteri resi…

Aprile è il mese della prevenzio…

o   Parola d’ordine: temp…

Sindrome di Down: dalla natura u…

Uno studio biochimico del…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer: una variante genetica accelera l’insorgenza nelle donne

I portatori di una copia di una variante genetica chiamata ApoE4 potrebbero avere un rischio sostanzialmente maggiore di ammalarsi di Alzheimer, se sono donne.


A rivelarlo, un nuovo studio dello Stanford University Medical Center pubblicato sulla rivista ‘Annals of Neurology’.
Gli scienziati sono arrivati a questa scoperta analizzando i dati relativi a un ampio numero di individui anziani che sono stati seguiti nel tempo monitorando il passaggio progressivo dalla buona salute al lieve declino cognitivo, da cui sono poi passati a sviluppare l’Alzheimer entro pochi anni, oppure all’Alzheimer stesso.proteine-alzheimer I risultati dell’indagine hanno mostrato che essere portatori della variante ApoE4 aumenta la probabilita’ di ammalarsi di Alzheimer ma se questo rischio era solo marginale per gli uomini, per le donne l’incremento era di circa il 100 per cento, raddoppiando la probabilita’ di passare dal lieve declino cognitivo alla malattia di Alzheimer.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi