Stress: trovate le molecole resp…

La risposta fisiologica a…

Guaina mielinica: scienziati spi…

Una nuova ricerca dimostr…

Studio rivela come attivita' cer…

[caption id="attachment_5…

"Cervello morale", influenzato d…

Il 'cervello morale' esis…

Ipotiroidismo: un terzo dei pazi…

La levotiroxina va p…

I successi e traguardi scientifi…

[caption id="attachment_1…

Remunerazione delle farmacie: la…

Roma, 16 gennaio 2013 – “…

Percezione visiva del movimento:…

La capacità di percepire …

Prima volta microchip infetta uo…

[caption id="attachment_7…

Neurofibromatosi: passi avanti n…

Un team di ricercatori pr…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer: una variante genetica accelera l’insorgenza nelle donne

I portatori di una copia di una variante genetica chiamata ApoE4 potrebbero avere un rischio sostanzialmente maggiore di ammalarsi di Alzheimer, se sono donne.


A rivelarlo, un nuovo studio dello Stanford University Medical Center pubblicato sulla rivista ‘Annals of Neurology’.
Gli scienziati sono arrivati a questa scoperta analizzando i dati relativi a un ampio numero di individui anziani che sono stati seguiti nel tempo monitorando il passaggio progressivo dalla buona salute al lieve declino cognitivo, da cui sono poi passati a sviluppare l’Alzheimer entro pochi anni, oppure all’Alzheimer stesso.proteine-alzheimer I risultati dell’indagine hanno mostrato che essere portatori della variante ApoE4 aumenta la probabilita’ di ammalarsi di Alzheimer ma se questo rischio era solo marginale per gli uomini, per le donne l’incremento era di circa il 100 per cento, raddoppiando la probabilita’ di passare dal lieve declino cognitivo alla malattia di Alzheimer.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi