Papillomavirus Umano (HPV): anco…

A 20 anni si riscontra la…

Abbronzatura: i danni che subisc…

Uno studio su cellule epi…

Attacchi cardiaci: raffreddare o…

Dopo un arresto cardiaco …

MENOPAUSA, ORMONI E CERVELLO

L’uso prolungato di ormon…

Alopecia areata: in arrivo pillo…

L’FDA americana ha approv…

Le vaccinazioni in età pediatric…

Il sostegno alle vaccinaz…

Cancro al colon: la prevenzione …

I risultati dello studio …

GLI ESPERTI DELLA PELLE TORNANO …

Roma, 30 settembre 2014 –…

Evoluzione nei batteri: il mecca…

Anche se le fonti di dive…

Giornata dei diritti dei NON fum…

[caption id="attachment_5…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Beta-amiloide associata alla rigidità delle arterie

I depositi di beta amiloide aumentano con l’eta’ e sono associati all’irrigidimento progressivo delle arterie.


Lo ha dimostrato un nuovo studio condotto da Timothy M. Hughes della Wake Forest University (Usa) pubblicato sulla rivista JAMA Neurology. placche_beta-amiloidiLa rigidita’ delle arterie e’ apparsa correlata al progressivo accumulo di placche beta amiloidi nel cervello dei pazienti anziani senza demenza. Questo suggerisce che esiste una relazione tra la gravita’ della malattia vascolare e le placche caratteristiche del morbo di Alzheimer.

La ricerca ha arruolato un gruppo di ottantuno pazienti senza demenza dagli ottantatre’ anni d’eta’ in su seguiti per un periodo di due anni e sottoposti a PET per valutare i depositi di beta amiloide e a misurazioni della velocita’ di propagazione dell’onda di polso (Pulse Wave Velocity) per valutare la rigidita’ arteriosa.

Archivi