Rilpivirina ha ricevuto il parer…

- Si tratta del terzo far…

Localizzata un’area del cervello…

Si trova nella corteccia …

Scoperto legame tra rottura del …

Scienziati in Belgio, Pae…

Menisco: cellule staminali in gr…

L'iniezione di cellule st…

Carcinoma ovarico: scoperti pept…

Il carcinoma ovarico potr…

IKKe è il nome del gene dell'obe…

[caption id="attachme…

Tumori: nuovi veri e attendibili…

Un nuovo marcatore in gr…

I polifenoli dell'olio di oliva …

[caption id="attachment_8…

Asma al femminile: si predice co…

Bassi livelli di siero di…

Da Forli' in avanti il tumore al…

[caption id="attachment_5…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Beta-amiloide associata alla rigidità delle arterie

I depositi di beta amiloide aumentano con l’eta’ e sono associati all’irrigidimento progressivo delle arterie.


Lo ha dimostrato un nuovo studio condotto da Timothy M. Hughes della Wake Forest University (Usa) pubblicato sulla rivista JAMA Neurology. placche_beta-amiloidiLa rigidita’ delle arterie e’ apparsa correlata al progressivo accumulo di placche beta amiloidi nel cervello dei pazienti anziani senza demenza. Questo suggerisce che esiste una relazione tra la gravita’ della malattia vascolare e le placche caratteristiche del morbo di Alzheimer.

La ricerca ha arruolato un gruppo di ottantuno pazienti senza demenza dagli ottantatre’ anni d’eta’ in su seguiti per un periodo di due anni e sottoposti a PET per valutare i depositi di beta amiloide e a misurazioni della velocita’ di propagazione dell’onda di polso (Pulse Wave Velocity) per valutare la rigidita’ arteriosa.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x