Cellule tumorali evidenziate dal…

Effettuata per la prima v…

Tumore colon retto: bassa l'ades…

TUMORE DEL COLON RETTO:…

Scoperta funzione antitumorale d…

Scoperta funzione antitum…

Via libera all'eterologa: soddis…

La donazione dei gameti r…

Cancro al fegato: sperimentata u…

Bloccare il nutrimento al…

Sequenziato intero genoma di un …

Sequenziato per intero il…

SLA: Ricerca congiunta Italia-US…

Nuova luce sulle cause de…

Botanica: l'orologio circadiano …

[caption id="attachment_1…

L'area del cervello che 'delimit…

[caption id="attachme…

Identificato il gene del dolore …

Alcuni scienziati in Spag…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Beta-amiloide associata alla rigidità delle arterie

I depositi di beta amiloide aumentano con l’eta’ e sono associati all’irrigidimento progressivo delle arterie.


Lo ha dimostrato un nuovo studio condotto da Timothy M. Hughes della Wake Forest University (Usa) pubblicato sulla rivista JAMA Neurology. placche_beta-amiloidiLa rigidita’ delle arterie e’ apparsa correlata al progressivo accumulo di placche beta amiloidi nel cervello dei pazienti anziani senza demenza. Questo suggerisce che esiste una relazione tra la gravita’ della malattia vascolare e le placche caratteristiche del morbo di Alzheimer.

La ricerca ha arruolato un gruppo di ottantuno pazienti senza demenza dagli ottantatre’ anni d’eta’ in su seguiti per un periodo di due anni e sottoposti a PET per valutare i depositi di beta amiloide e a misurazioni della velocita’ di propagazione dell’onda di polso (Pulse Wave Velocity) per valutare la rigidita’ arteriosa.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!