Alzheimer: traumi cranici tra le…

Battere la testa o subire…

Boehringer Ingelheim ha sottomes…

• La prima sottomiss…

Genetica delle funzioni e disfun…

Uno studio compiuto su la…

Campi elettromagnetici: possibil…

Un trattamento per il ron…

Takeda annuncia la pubblicazione…

Osaka, Giappone, 10 marzo…

Molecole: una tecnica per indivi…

Per studiare il funzionam…

Gravidanza: "dolci" rimedi natur…

Rimedi naturali, omeopati…

Epo: su malati di Sla risultati …

[caption id="attachment_1…

Identificata una nuova classe di…

Scoperta la capacità di a…

Flagelli: alla scoperta dei ritm…

Nuove scoperte effettuate…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Beta-amiloide associata alla rigidità delle arterie

I depositi di beta amiloide aumentano con l’eta’ e sono associati all’irrigidimento progressivo delle arterie.


Lo ha dimostrato un nuovo studio condotto da Timothy M. Hughes della Wake Forest University (Usa) pubblicato sulla rivista JAMA Neurology. placche_beta-amiloidiLa rigidita’ delle arterie e’ apparsa correlata al progressivo accumulo di placche beta amiloidi nel cervello dei pazienti anziani senza demenza. Questo suggerisce che esiste una relazione tra la gravita’ della malattia vascolare e le placche caratteristiche del morbo di Alzheimer.

La ricerca ha arruolato un gruppo di ottantuno pazienti senza demenza dagli ottantatre’ anni d’eta’ in su seguiti per un periodo di due anni e sottoposti a PET per valutare i depositi di beta amiloide e a misurazioni della velocita’ di propagazione dell’onda di polso (Pulse Wave Velocity) per valutare la rigidita’ arteriosa.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi