Carcinoma prostatico: conoscere …

Per i pazienti affetti da…

Nuovi dati su nintedanib ne dimo…

• Risultati ad int…

Ebola: un nuovo vaccino che stim…

Testato su 120 volontari …

Sigaretta elettronica: tanto vap…

Maschio, ex fumatore,…

Aritmia cardiaca: scienziati fin…

Un team internazionale di…

Pillole di "cioccolato" si compo…

Tutto pronto per un 'dolc…

Retina funzionale, prodotta in l…

Un tessuto retinico strut…

Melanoma: nel potenziale di memb…

Un cambiamento nel potenz…

Cancro ai polmoni: smettere di f…

[caption id="attachme…

Tumore al seno: un gene alla bas…

[caption id="attachment_6…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Beta-amiloide associata alla rigidità delle arterie

I depositi di beta amiloide aumentano con l’eta’ e sono associati all’irrigidimento progressivo delle arterie.


Lo ha dimostrato un nuovo studio condotto da Timothy M. Hughes della Wake Forest University (Usa) pubblicato sulla rivista JAMA Neurology. placche_beta-amiloidiLa rigidita’ delle arterie e’ apparsa correlata al progressivo accumulo di placche beta amiloidi nel cervello dei pazienti anziani senza demenza. Questo suggerisce che esiste una relazione tra la gravita’ della malattia vascolare e le placche caratteristiche del morbo di Alzheimer.

La ricerca ha arruolato un gruppo di ottantuno pazienti senza demenza dagli ottantatre’ anni d’eta’ in su seguiti per un periodo di due anni e sottoposti a PET per valutare i depositi di beta amiloide e a misurazioni della velocita’ di propagazione dell’onda di polso (Pulse Wave Velocity) per valutare la rigidita’ arteriosa.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi