Carcinoma colon-retto: al Regina…

L'Istituto Regina Elena d…

Cancro: parte la sperimentazione…

[caption id="attachment_2…

Contraccettivo maschile non ster…

Scoperto quasi per caso, …

Come riconoscere il pet food di …

Milano, 10 ottobre 2016 –…

Tumori epatici, superano il 70% …

Il 70-80% dei casi di i…

Allergie scatenate da acari: pre…

Se gli acari della polver…

Vasi sanguigni funzionali da cel…

Le cellule staminali pl…

Fumo: più a rischio tumori se si…

Fumare immediatamente…

Sclerosi multipla: non e' solo u…

[caption id="attachment_1…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Beta-amiloide associata alla rigidità delle arterie

I depositi di beta amiloide aumentano con l’eta’ e sono associati all’irrigidimento progressivo delle arterie.


Lo ha dimostrato un nuovo studio condotto da Timothy M. Hughes della Wake Forest University (Usa) pubblicato sulla rivista JAMA Neurology. placche_beta-amiloidiLa rigidita’ delle arterie e’ apparsa correlata al progressivo accumulo di placche beta amiloidi nel cervello dei pazienti anziani senza demenza. Questo suggerisce che esiste una relazione tra la gravita’ della malattia vascolare e le placche caratteristiche del morbo di Alzheimer.

La ricerca ha arruolato un gruppo di ottantuno pazienti senza demenza dagli ottantatre’ anni d’eta’ in su seguiti per un periodo di due anni e sottoposti a PET per valutare i depositi di beta amiloide e a misurazioni della velocita’ di propagazione dell’onda di polso (Pulse Wave Velocity) per valutare la rigidita’ arteriosa.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x