Dal lievito un nuovo meccanismo …

Scoperto in questo organi…

Proteine etichettate guidate dal…

In un nuovo studio pubbli…

Tecnica inglese per riparare i t…

Lesioni tendinee curate c…

LA FEDERAZIONE MEDICO SPORTIVA I…

La “giusta dose” terapeut…

Balbuzie: identificati tre geni …

[caption id="attachment_5…

Follicoli "sopiti" in soggetti c…

I follicoli delle persone…

Obesità dei 30-40 anni triplica …

Il sovrappeso e l’obesità…

Nuovi passi nella comprensione d…

[caption id="attachment_7…

Latte materno: contiene cellule …

Identificate già da tempo…

Pressione alta: possibile causat…

Fino al 10% dei casi …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

L’FDA americana approva l’immunoterapia sublinguale per la rinite da polline di graminacee. Che in Europa è pronta da 5 anni.

Milano, 8 APRILE 2014 – L’FDA, l’ente regolatorio dei farmaci americano ha  approvato il primo trattamento di immunoterapia in compresse per l’allergia alle graminacee: Oralair. Questo farmaco è l’unico trattamento in compresse per   la rinite allergica (febbre da fieno) a contenere ben 5 pollini di graminacee: mazzolina (Dactylis glomerata L.), paleo odoroso (Anthoxanthum odoratum L.), logliarello (Lolium perenne L.), erba dei prati (Poa pratensis L.) e codolina (Phleum pratense L.).

Questa volta sono gli USA a usufruire dei risultati dell’innovazione europea: il farmaco è infatti frutto della ricerca  dell’azienda francese Stallergenes, che già da alcuni anni ha reso disponibile il farmaco in Europa per rispondere ai 150 milioni di pazienti europei, che prima potevano contare solo su rimedi sintomatici, senza alcuna possibilità di influire o cambiare la storia naturale della malattia.

“Una notizia molto positiva” dichiara Daniel Jacques Cristelli, Direttore Generale di Stallergenes in Italia “che segue l’appello di 178 membri del Parlamento Europe, dell’EAACI (European Academy of Allergy and Clinical Immunology), delle 6  società scientifiche italiane competenti per specialità e di pazienti (Federasma) al Ministro della Salute italiano, Beatrice Lorenzin di includere le malattie allergiche nell’Agenda delle priorità per il Semestre Europeo. Appello sottoscritto per ridurre le disuguaglianze nell’accesso alle terapie migliori: mentre in Francia, Spagna, Germania ma anche in Irlanda, Olanda, Austria, Repubblica Ceca, Slovacchia e Slovenia, l’immunoterapia è rimborsata a livello nazionale, in Italia viene erogata con il contagocce, in pochissime regioni virtuose e  quasi mai  al 100%.

Una scelta che contrasta con gli studi di farmacoeconomia più recenti che dimostrano, calcolatrice alla mano, che il costo dei sintomatici, viene pareggiato dopo tre anni dall’inizio dell’immunoterapia.

Senza contare che questo è l’unico trattamento che ha un effetto a lungo termine sui sintomi dell’allergia e  l’unica terapia che può prevenire lo sviluppo di asma e di nuove allergie.

La sintomatologia può rendere particolarmente difficile la vita degli allergici: naso che cola, congestione nasale, starnuti a raffica, lacrimazione nei casi più comuni, disturbi che spesso tendono ad evolvere in forme respiratorie più severe come l’asma. Oralair unisce la facilità d’uso della compressa alla efficacia mirata e a lungo termine dell’AIT,  Si scioglie in bocca e  agisce inducendo  una risposta immunitaria nei pazienti trattati. Va assunta quotidianamente, con un efficacia sui sintomi già dalla prima stagione pollinica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi