35° CONGRESSO DI ANTIBIOTICOTERA…

Al via il 35° Congresso N…

Donne e tumori: sempre più casi …

Circa 87.000 nuove diagno…

Potrebbe essere troppo testoster…

[caption id="attachment_5…

Infezioni Croniche da Papillomav…

Nuovo approccio per indiv…

Depressione perinatale: ne soffr…

In Italia, circa il 1…

Psoriasi, 73° Congresso AAD San …

Congresso AAD San Francis…

Gruppi sanguigni più a rischio i…

Ricercatori di Harvard ha…

Alzheimer: ricerca in essere, pr…

Benché la scienza abb…

Epilessia: scoperto meccanismo c…

I ricercatori del Cincin…

L'analisi della qualita' del DNA…

Per anni, i parametri sem…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Muscoli congelati: scienziati fanno funzionare una luce per riportarli attivi

Un gruppo di scienziati britannici, che lavora con le cellule staminali, ha usato la luce per muovere e controllare muscoli congelati, offrendo una speranza a quanti soffrono di paralisi.


Il risultato e’ opera dell’University College di Londra e del King’s College di Londra, ed e’ stato pubblicato sulla rivista Science. Nel breve termine, potrebbe aiutare chi soffre di malattie del motoneurone che porta alla paralisi progressiva dei muscoli, compresi quelli che controllano la respirazione e la deglutizione.
La paralisi si verifica quando i neuroni motori, le cellule nervose specializzate nel trasmettere messaggi dal cervello, si danneggiano. All’inizio gli scienziati hanno provato a sostituirli, utilizzando cellule staminali embrionali capaci di trasformarsi in ogni tessuto del corpo. In particolare, hanno inserito un gene nelle cellule che li ha resi sensibili alla luce e poi le ha trasformate in neuroni motori.

Queste cellule sono state poi trapiantate nei topi, dove sono cresciute e collegate con i muscoli paralizzati. Al passaggio della luce i muscoli si sono mossi. Ora gli scienziati vogliono creare un impianto in grado di emettere luce in base alle necessita’. “Molti pazienti – ha detto Linda Greensmith dell’University College di Londra – vivono nella paura di soffocare perche’ non possono respirare o deglutire”. La scienziata spera che i primi test sui pazienti con malattie del motoneurone possano partire entro 5 anni.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x