Diabete di tipo 1, più a rischio…

Le donne con il diabete d…

Vivere 'da faraoni' dopo una rec…

Roma, 18 nov - Gia' le mu…

Guarire dall'AIDS: "Il paziente …

Lo chiamano il "paziente …

Frammenti del virus HPV contenut…

[caption id="attachment_6…

Alzheimer: le placche silenti in…

L'imaging del cervello tr…

MASCHIO O FEMMINA? LO DIRA' TEST…

[caption id="attachme…

Sclerodermia: innovativo trattam…

[caption id="attachment_7…

Medicina: al via la campagna naz…

Lotta al dolore: al via u…

Fibrosi dei tessuti: piccola pro…

Una piccola proteina chia…

Tumori: l'antidoto contro cellul…

Tra le furbizie del tumor…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Muscoli congelati: scienziati fanno funzionare una luce per riportarli attivi

Un gruppo di scienziati britannici, che lavora con le cellule staminali, ha usato la luce per muovere e controllare muscoli congelati, offrendo una speranza a quanti soffrono di paralisi.


Il risultato e’ opera dell’University College di Londra e del King’s College di Londra, ed e’ stato pubblicato sulla rivista Science. Nel breve termine, potrebbe aiutare chi soffre di malattie del motoneurone che porta alla paralisi progressiva dei muscoli, compresi quelli che controllano la respirazione e la deglutizione.
La paralisi si verifica quando i neuroni motori, le cellule nervose specializzate nel trasmettere messaggi dal cervello, si danneggiano. All’inizio gli scienziati hanno provato a sostituirli, utilizzando cellule staminali embrionali capaci di trasformarsi in ogni tessuto del corpo. In particolare, hanno inserito un gene nelle cellule che li ha resi sensibili alla luce e poi le ha trasformate in neuroni motori.

Queste cellule sono state poi trapiantate nei topi, dove sono cresciute e collegate con i muscoli paralizzati. Al passaggio della luce i muscoli si sono mossi. Ora gli scienziati vogliono creare un impianto in grado di emettere luce in base alle necessita’. “Molti pazienti – ha detto Linda Greensmith dell’University College di Londra – vivono nella paura di soffocare perche’ non possono respirare o deglutire”. La scienziata spera che i primi test sui pazienti con malattie del motoneurone possano partire entro 5 anni.

Archivi