19 Maggio: giornata mondiale del…

Una persona su 12 nel mon…

CCSVI: Il Prof. Zamboni sulla Sc…

[caption id="attachment_5…

TAC: radiazioni di gran lunga pi…

Washington, 15 dic. - Le …

CNR: Alzheimer, un vaccino per n…

Si chiama (1-11)E2 ed è u…

In uno studio su pazienti, idaru…

• I primi risultati di un…

Sui ritmi circadiani, alcune val…

In un ambiente naturale, …

Approvato nuovo farmaco contro t…

Approvato nuovo farmaco …

Metastasi cancro al seno, inibit…

Le pesche inibiscono le …

Sale e ipertensione arteriosa: c…

In seguito la consumo di …

Novita' su comorbidita' e ricerc…

[caption id="attachme…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Possibilità di infezioni aumentano se il nascituro pretermine non viene allattato dalla mamma

Chi viene al mondo con minor peso alla nascita, cosi’ come coloro che sono stati allattati al seno meno di tre mesi o non lo sono stati affatto hanno maggiori probabilita’ di vivere da giovani adulti dei livelli di infiammazione cronica piu’ alti che contribuiscono a malattie cardiovascolari.


A rivelarlo, un nuovo studio della Northwestern University pubblicato sulla rivista ‘Proceedings of the Royal Society B: Biological Sciences’.    Gli scienziati si sono basati sui dati provenienti dal National Longitudinal Study of Adolescent Health: i ricercatori hanno valutato i bassi livelli della proteina Crp, un marcatore chiave per l’infiammazione, messi in correlazione con il peso alla nascita e la durata dell’allattamento al seno di circa 7000 individui con eta’ compresa tra 24 e 32 anni. I risultati hanno mostrato che non solo il peso minore alla nascita e la minor durata dell’allattamento al seno predicevano maggiori livelli di Crp da giovani adulti, ma era maggiore anche il rischio di sviluppare malattie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi