Embolia polmonare: il rischio el…

Studio presentato da Toru…

Ricerca italiana sull'ipertensio…

[caption id="attachment_2…

E se ci fosse anche un virus di…

[caption id="attachment_6…

“Storie di vita negli anni d’arg…

Una ricerca condotta da F…

Atassia di Friedreich: sembra ef…

Un gruppo di scienziati d…

Il gene TERC causa dell'invecchi…

[caption id="attachment_5…

I meccanismi cerebrali dei ricon…

Uno studio tedesco dimost…

Epatite C: protocolli con Telapr…

REGIMI BASATI SU TELAPR…

AIDS: Milano aveva il suo Missis…

In Italia, all'ospedale S…

“Buone pratiche in Ginecologia”:…

Roma, 10 ottobre 2017 – I…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Possibilità di infezioni aumentano se il nascituro pretermine non viene allattato dalla mamma

Chi viene al mondo con minor peso alla nascita, cosi’ come coloro che sono stati allattati al seno meno di tre mesi o non lo sono stati affatto hanno maggiori probabilita’ di vivere da giovani adulti dei livelli di infiammazione cronica piu’ alti che contribuiscono a malattie cardiovascolari.


A rivelarlo, un nuovo studio della Northwestern University pubblicato sulla rivista ‘Proceedings of the Royal Society B: Biological Sciences’.    Gli scienziati si sono basati sui dati provenienti dal National Longitudinal Study of Adolescent Health: i ricercatori hanno valutato i bassi livelli della proteina Crp, un marcatore chiave per l’infiammazione, messi in correlazione con il peso alla nascita e la durata dell’allattamento al seno di circa 7000 individui con eta’ compresa tra 24 e 32 anni. I risultati hanno mostrato che non solo il peso minore alla nascita e la minor durata dell’allattamento al seno predicevano maggiori livelli di Crp da giovani adulti, ma era maggiore anche il rischio di sviluppare malattie.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi