3.9 MILIONI DI BENEFICIARI IN EU…

27 Maggio 2013 - Oggi il …

L'effetto 'gelo' per distruggere…

[caption id="attachment_6…

Poli-pillola multivalente in arr…

Addio a confezioni, blist…

Dai telomeri la risposta alla ca…

[caption id="attachment_7…

Terapia steroidea in artrite reu…

Il nuovo sistema a rilasc…

Policlinico Abano Terme: nuovo c…

Team multispecialistico, …

DIABETE: "Let's get Physical"

Focus su esercizio fisico…

Virtu' anti-obesita' delle prote…

[caption id="attachment_6…

Geneticamente predisposti alla v…

Stare bene in salute, ave…

Come si sviluppano le ovaie: un …

Un nuovo studio cambia l’…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Bullismo infantile: ripercussioni sulla salute mentale delle vittime anche a distanza di 40 anni

Gli effetti negativi del bullismo infantile potrebbero lasciare un segno anche maggiore del previsto e le sue vittime potrebbero avere una maggiore probabilita’ di ammalarsi di depressione, di avere una cattiva salute e, dal punto di vista sociale, di essere senza lavoro intorno alla mezza eta’.


A dirlo, uno studio del Kings College London pubblicato sull’American Journal of Psychiatry. Un precedente studio aveva svelato che gli effetti del bullismo infantile sulla salute mentale di un individuo, sulle sue relazioni sociali e emotive possono durare anche 15 anni.  Ora, nella nuova ricerca, i ricercatori londinesi hanno esteso questo periodo di sofferenza mentale, sociale e fisica a causa del bullismo subito durante l’infanzia a circa 40 anni dopo.

  Gli scienziati hanno coinvolto 7.771 volontari nati nel 1958: coloro che avevano subito atti di bullismo all’eta’ di 7 e 11 anni risultavano patire un range di problemi sociali e di salute anche oltre i 50 anni di eta’. In particolare avevano minore salute mentale e peggiori capacita’ cognitive a 50 anni, e quelli che avevano subito piu’ frequentemente atti di bullismo avevano il doppio delle probabilita’ di soffrire di depressione, oltre a un maggior rischio di disordini ansiosi e di pensieri suicidi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi