Scoperta una proteina che rallen…

Bloccando una proteina c…

Emicrania: la meditazione per il…

Una nuova ricerca mette i…

Merck Serono: completato l’arruo…

[caption id="attachment_1…

Dall’FDA una lezione di concrete…

La normativa statunitense…

Tagliare il Fondo sanitario è un…

Roma, 29 gennaio 2015 - “…

Noci e vino rosso: polifenoli a …

Una bella insalata condit…

Donne in menopausa: attenzione a…

Le donne in menopausa con…

Salute sessuale maschile: è anco…

L'anatomia maschile è un …

Giornata Mondiale dei Pollini I…

[caption id="attachment_1…

Ictus: corrente di lieve entità …

Uno studio italiano mostr…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Scoperto enzima in grado di inibire la proliferazione di cellule tumorali

Sopprimere la crescita di un tumore bloccando l’attivita’ di un enzima disintossicante noto come MTH1. La strategia e’ stata testata con successo sui topi e descritta in due articoli pubblicati sulla rivista ‘Nature’.

L’enzima ripulisce i gruppi di nucleotidi ossidati tossici prodotti in quantita’ elevate in un ambiente tumorale. Thomas Helleday (Karolinska Institutet) e Giulio Superti-Furga (CeMM Research Center for Molecular Medicine – Austrian Academy of Sciences) hanno scoperto che l’enzima MTH1 e’ fondamentale per la sopravvivenza delle cellule tumorali. Cancer_CellsI ricercatori hanno isolato due piccole molecole inibitorie dell’enzima: la TH287 e TH588. In presenza di questi inibitori, i nucleotidi ossidati vengono incorporati solo nel DNA delle cellule tumorali, portando a danneggiamenti del DNA e a morte cellulare. I topi affetti da cancro al colon-retto, al seno e alla pelle hanno mostrato risposte positive e promettenti al trattamento con questi inibitori.

Risultati che suggeriscono che l’enzima potrebbe diventare un obiettivo utile per una vasta gamma di tumori. I ricercatori hanno anche dimostrato che questa tipologia di inibizione potrebbe essere particolarmente efficace nel trattamento di quei tumori che mostrano alti livelli di stress ossidativo. In questo caso l’arma principale sarebbe un nuovo e potente inibitore chiamato (S)-crizotinib.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi