Cefalee a grappolo: una sostanza…

Una sostanza analoga all'…

Tumore al seno: l'esame con ultr…

[caption id="attachment_9…

In memoria di Steve Jobs: Creder…

"Nessuno vuole morire. An…

Frenare il fenomeno di autofagia

Lo stress si ripercuote s…

Persone con diabete, ecco quali …

AMD ha misurato con un ap…

Tumori: pazienti con malattie cr…

Se i pazienti con tumore …

Bulimia: ottime le risposte da t…

Sviluppato un nuovo tratt…

Farmaci innovativi sul territori…

Roma, 6 novembre 2014. “A…

Pillola anticoncezionale: come c…

L'uso della pillola antic…

Merck Serono: approvazione europ…

Ginevra, Svizzera, 6 fe…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Una tazzina extra di caffé al dì per allontanare il rischio diabete

-Una tazza di caffe’ in piu’ al giorno potrebbe ridurre il pericolo di ammalarsi di diabete.

L’associazione e’ stata scoperta da una nuova ricerca pubblicata su ‘Diabetologia’, rivista ufficiale dell’associazione europea per lo studio del diabete.  Aumentando l’assunzione di caffe’ si riduce il rischio di insorgenza di diabete di tipo 2, secondo l’indagine condotta da Frank Hu e Shilpa Bhupathiraju dell’Harvard University che indica anche il quantitativo necessario da consumare quotidianamente per scongiurare l’arrivo della malattia metabolica.

La regola e’ incrementare l’assunzione di caffe’ in media a una tazza e mezzo al giorno, approssimativamente trecentosessanta millilitri. A questi dosaggi in quattro anni il rischio di ammalarsi di diabete di tipo 2 cala drasticamente. I consumatori forti – quelli che consumano da tre a piu’ tazze di caffe’ al giorno – sono quelli risultati a rischio inferiore di sviluppare diabete, un pericolo piu’ basso del 37 per cento rispetto ai consumatori lievi con una o meno tazze al giorno.
Il consumo di te’ non e’ apparso correlato alla diminuzione di pericolo di diabete di tipo 2. L’associazi

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi