Disfunzione erettile: si potrebb…

[caption id="attachme…

Schizofrenia: maggiori i success…

[caption id="attachme…

Nanotubi di carbonio: come il me…

[caption id="attachment_9…

'Navigare' su internet allontana…

Le persone adulte e anzia…

Studio: le strutture molecolari …

[caption id="attachme…

L’Italia dice addio alla fenform…

L’allarme, lanciato …

Densita' mammografica: due varia…

[caption id="attachment_6…

Fibrosi polmonare: pericolose co…

Una combinazione di tre f…

Sindrome di Hunter: ritmi circad…

Nei pazienti affetti da …

Mieloma multiplo: scoperta radic…

I geni di una persona po…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Batteri infettivi: sviluppata nuova tecnica

I batteri nocivi potrebbero presto non avere alcun posto in cui nascondersi, grazie a nuovi materiali che fanno ritorcere contro di loro le proprie armi di difesa.


Un gruppo di scienziati della University of Nottingham e del GSK Consumer Healthcare ha infatti sviluppato una tecnica che potrebbe localizzare la potenziale fonte di un’infezione attraverso un ‘dirottamento’ dei normali processi dei patogeni, in modo da rivelare la loro posizione. ultrabacteriaI ricercatori, a quanto si legge sulla rivista Nature Materials, sono stati anche in grado di usare dei marcatori fluorescenti per ‘taggare’ queste cellule, etichettandole in modo da riuscire con successo a individuarle impiegando semplicemente una camera di un telefono cellulare.

Questo metodo potrebbe offrire un modo piu’ semplice di rilevare batteri patogeni al di fuori di un contesto clinico e potrebbe essere particolarmente utile e importante per quelle aree dei Paesi in via di sviluppo in cui l’accesso alle piu’ sofisticate tecniche di laboratorio e’ spesso limitato.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi