Impulsività e uso di droghe: sco…

Scoperto un collegamento …

Cellule staminali che diventano …

Uno studio pubblicato sul…

H5N1: identikit di un supervirus…

Pubblicato sulla rivista …

Sclerosi multipla: scatola elett…

E' stato pubblicato dalla…

Medici e pazienti uniti nel comb…

Dalla volontà di FIRE O…

Scienziati polacchi presentano i…

[caption id="attachment_1…

E' online il primo volume dell'A…

Milano, xx novembre 2012 …

Pistacchi efficaci contro iperte…

Un pugno di pistacchi all…

Obesità: terapia al testosterone…

La terapia di rimpiazzam…

L'equilibrio delicato della flor…

Un enzima utilizzato dall…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Rotary e Aquaplus al primo importante traguardo. Inaugurato il centro per produrre la “Pianta Del Miracolo

rotaryMilano, 20 maggio – 360mq per creare farine grezze e gallette a partire dalla manioca oleifera, meglio conosciuta come “la pianta del miracolo”. Il dono arriva diretto da Rotary International – Distretti 2041 e 2042 – ai contadini haitiani del comune di Torbeck, nella regione meridionale di Les Cayes. 

Il 16 maggio è stata inaugurata la prima unità di trasformazione realizzata, dopo tre anni di lavori e 1milione di euro di investimento, grazie al Progetto Pilota del Programma AQUAPLUS, ideato, appunto, da Rotary e sviluppato in stretta collaborazione con EXPO Milano 2015. Il tema dell’Esposizione Universale, “Nutrire il pianeta.aquaplus Energia per la vita”, è infatti perfettamente rispondente al programma con cui Rotary intende migliorare l’utilizzo delle risorse idriche per uso potabile e agricolo per gli abitanti di Haiti, la cui condizione, a quattro anni dal terremoto Sandy, resta estremamente precaria.

“Aquaplus è più di un semplice progetto per l’acqua potabile. Lo scopo formativo che lo caratterizza lo rende un elemento costitutivo fondamentale per EXPO 2015, occasione che Haiti utilizzerà per comunicare e arricchire il suo patrimonio. Un progetto che evolve nel tempo e che oggi trova nuova linfa nella creazione dell’unità di trasformazione” – ha spiegato il Commissario di Haiti per Expo 2015, Mexil Gladys.

L’unità di trasformazione per manioca sarà dotata di uffici, laboratori e programmi per assistenza tecnica e commerciale dedicati, al fine di incentivare la creazione e la commercializzazione di prodotti autoctoni, favorendo l’iniziativa lavorativa in cooperativa e la creazione di reddito per gli haitiani. In tal senso, basti pensare che a due anni dall’avvio di Aquaplus, il sistema idrico è completamente gestito dalla CAEPA, un’associazione di agricoltori locali che si occupa sia delle attività di manutenzione, sia della riscossione dei dazi. Fondamentale è la supervisione della Facoltà di Agraria dell’Università degli Studi di Milano e dell’Università di Notre Dame de Haiti. L’UNDH possiede, infatti, nel comune di Torbek quaranta ettari di terreno coltivato da una vera e propria azienda agricola (La Ferme) che si occupa della trasformazione di circa 100 tonnellate di tuberi di manioca all’anno.

Aver creato questa unità di trasformazione è una vittoria comune. Oggi, più che mai, è necessario che la comunità internazionale non abbandoni Haiti e che capisca che fare solidarietà significa mettere in atto aiuti concreti alla crescita delle popolazioni in difficoltà per assicurare a tutti un’esistenza dignitosa” – ha concluso PierMarco Romagnoli, Rotary Distretto 2041, Coordinatore e Capo Progetto Aquaplus.

Aquaplus ha interessato circa 10mila persone: abitanti del luogo che sono stati motivati e coinvolti per portarli ad acquisire competenze agrozootechine che permetteranno di generare produzioni ad alto valore nutrizionale. Il completamento dell’unità di trasformazione  consentirà, infatti, di avviare un’ulteriore fase in collaborazione con il World Food Program e il Ministero delle Risorse Agricole di Haiti per studiare, sperimentare e produrre integratori nutrizionali basati su prodotti locali, come appunto la moringa oleifera.

Al Progetto Pilota hanno contribuito Partner quali la Facoltà di Agricoltura della Università degli Studi di Milano e le ONG AVSI e MLFN che hanno una consolidata e pluriennale presenza nella zona del progetto.

Per approfondimento visita il sito: aquaplusprogram.org

aquaplus fontane_Haiti-05

 Le fontane di Aquaplus ad Haiti

lineaBellesource–Gerard-05

Rivellinau alle prese con il martello. Professionista di quantità e qualità, chiamato “ingenieur, agronome, professeur” a seconda dei contesti, pur avendo una laurea in gestione aziendale. lineaBellesource–Gerard-09 Patrick, spaccapietre, scavatore, una ruspa umana primo a iniziare ultimo a finire, mai una lamentela. lineaBellesource–Gerard-11

Le donne infaticabili portatrici di sabbia.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!