Tumore al colon-retto: con 52.00…

Migliora la sopravviven…

Metodo CEST ottimo per stanare p…

Una nuova strategia per i…

Tumori: è tutta italiana la tecn…

Identificare i tumori ed …

Malattie dell’intestino, stop al…

Sono gli interferoni di t…

HIV: una proteina che ostacola l…

Un team internazionale di…

Al via la Campagna #NoiFermiamoL…

Janssen Italia e il Comun…

Cancro: terapia al testosterone …

[caption id="attachment_6…

Dolore cronico: arriva la laser-…

Arriva direttamente dall'…

Costi diabete: un quarto è dovut…

Le recenti innovazioni su…

Farmacisti anche in case di cura…

Per migliorare l’assisten…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Scoperte cellule immunitarie che alimentano le cellule tumorali del colon

Un sottoinsieme di cellule immunitarie e’ in grado di alimentare direttamente i tumori del colon. E’ il risultato di un nuovo studio della University of Michigan Medical School.

“Se vogliamo controllare le cellule staminali del cancro attraverso nuove terapie, abbiamo bisogno di comprendere cosa controlli la proliferazione di queste cellule”, hanno spiegato gli autori sulla rivista Immunity.”Per capire il principio basta fare un paragone con le api operaie – hanno spiegato gli autori – che rappresentano la maggior parte delle cellule tumorali e l’ape regina che e’ la cellula staminale del cancro. La regina puo’ ripopolare un’intera colonia ma sopravvive solo se puo’ contare sulla pappa reale.tumori_cervello
Se si rimuove la pappa reale, l’ape regina muore e l’intera colonia di api invasive viene rimossa. L’IL-22 derivato dalle cellule Th22 e’ la pappa reale”.

Il Th22 e’ un sottoinsieme di una tipologia di cellule immunitarie chiamate cellule T, i “soldati” del sistema immunitario che uccidono le cellule tumorali. Nel caso del cancro al colon, gli scienziati hanno scoperto che la Th22 agisce come aiutante del tumore, supportando le cellule nei processi di rinnovamento, uno dei tratti distintivi delle staminali del cancro. Lo studio ha dimostrato che un fattore epigenetico noto come DOT1L, regolato dall’IL-22, contribuisce allo sviluppo delle proprieta’ delle cellule staminali. Alti livelli del fattore nei campioni tumorali dei pazienti sono associati a minore sopravvivenza.

Gli studiosi suggeriscono che il DOT1L potrebbe essere un indicatore della progressione del cancro del colon e che l’aggressione dei processi che lo coinvolgono potrebbe favorire la creazione di future terapie specifiche, attualmente non disponibili.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!