Morte cellule nervose: nuova luc…

[caption id="attachment_9…

Alzheimer: la molecola del buon …

Un team di ricercatori ha…

Botox: usato per curare l'emicra…

[caption id="attachment_1…

Adrenololeucodistrofia: una tera…

I pazienti trattati in un…

Bambini stranieri nelle scuole i…

La Società Italiana di Pe…

Vaccino anti-pneumococco 23 vale…

Il vaccino antipneumococc…

Autismo: il deficit che si può r…

E' possibile rilevare i d…

SLA e Sclerosi Multipla: partono…

[caption id="attachment_…

Dati Censis: Tac e RX grande ric…

Boom del privato per Tac…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cellule staminali: migliaia di piccoli cuori umani ottenuti e ‘coltivati’ in piastre in laboratorio

Migliaia di cuori umani in miniatura sono stati ‘coltivati’ in laboratorio da un team di scienziati scozzesi, a partire da cellule staminali.

Le piccole sfere di cellule del cuore battono insieme in una piastra di Petri ogni due secondi, e il tessuto corrisponde a quello del muscolo cardiaco umano.  I ricercatori dell’Abertay University li utilizzano già per testare potenziali farmaci con l’obiettivo di trattare una malattia al momento incurabile. La ricerca è stata presentata al Congresso mondiale sulla biotecnologia a Valencia, in Spagna. Le sfere di cellule del cuore sono state realizzate con delle staminali e misurano appena 1 millimetro.

Cellule del cuore battente sono già state prodotte dagli scienziati, ma ora i ricercatori spagnoli dicono che questa è la prima volta che i mini-cuori vengono utilizzati per studiare una malattia.

Secondo il ricercatore Nikolai Zhelev, poi, le dimensioni così ridotte dei mini-cuori non contano nulla: “Sono davvero cellule umane, fisiologicamente le stesse del cuore, e in questo caso la dimensione non ha importanza”, spiega alla Bbc online. “Abbiamo indotto delle malattie in questi mini-cuori, cosa che nessuno aveva ancora fatto, in particolare l’ipertrofia cardiaca. Non solo: abbiamo testato diversi farmaci che hanno bloccato lo sviluppo di ipertrofia cardiaca in questi mini-cuori.”

Si tratta infatti di una malattia incurabile. Il muscolo cardiaco diventa più spesso e rigido, rendendo più difficile pompare sangue in tutto il corpo. In casi estremi, il cuore può arrivare a fermarsi all’improvviso. Zhelev ha spiegato che i mini-cuori avrebbero permesso ai ricercatori di valutare rapidamente una vasta gamma di prodotti chimici e di testare così delle potenziali cure. “Possiamo lavorare ora, in un esperimento, con 1.000 cuori umani e testare grandi quantità di composti contemporaneamente, cosa che non si può fare negli animali”. Il lavoro avrebbe già portato i primi frutti. I ricercatori pensano di aver trovato un farmaco, attualmente utilizzato per trattare il cancro, che potrebbe aiutare a prevenire l’ipertrofia.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi