Terapie oncologiche molto piu' e…

[caption id="attachment_9…

Sesso: ossitocina meglio del sil…

Gli uomini riferiscono un…

Individuati marcatori tumorali t…

[caption id="attachment_8…

Ricercatori finanziati dall'UE t…

[caption id="attachment_1…

EMA ad Amsterdam, Annarosa Racca…

Milano, 30 gennaio 2018 -…

Staminali neurali native contro …

I ricercatori sono st…

Alzheimer: l'esercizio fisico da…

Basta un'ora di esercizio…

I Cantieri di Co-Opera-Azione ha…

Si chiude il ciclo dell’e…

Celiachia: una nuova mappa mondi…

Delinea una nuova epidemi…

Cinque geni responsabili di infi…

ROMA -  Il Messaggero – I…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Infiammazioni intestinali: proteina mucosa complice e causa

La malattia infiammatoria intestinale (Ibd) e’ una condizione comune nei paesi occidentali industrializzati. Che cosa la faccia scattare, pero’, non e’ stato ancora pienamente compreso.


I ricercatori della Technische Universit’ Manchen (TUM) hanno ora identificato un nuovo step nella patogenesi di questa malattia.cellule_intestino
Usando un modello murino della Ibd, hanno dimostrato che una proteina nelle cellule della mucosa intestinale potrebbe essere una delle cause della patologia. In particolare, gli studiosi si sono focalizzati sulla proteina omologa C/EBP (CHOP): i ricercatori hanno gli hanno esaminato il ruolo della proteina nello sviluppo dell’infiammazione intestinale cronica, modificando il Dna in modo che le cellule epiteliali intestinali dei topi producessero grandi quantita’ di questa proteina.

L’elevata presenza della CHOP ha reso i topi piu’ suscettibili di infiammazione intestinale. Inoltre, l’infiammazione si riduceva piu’ lentamente e la mucosa intestinale richiedeva, successivamente, piu’ tempo per rigenerarsi.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!