Tumore al pancreas: è italiana l…

[caption id="attachme…

Uova in gestazione, prevengono d…

L’assunzione di colina, l…

Autismo: metà cause genetiche, m…

La ricerca del Karolinska…

Tacchi alti: il dolore alle arti…

In dieci anni e' piu' ch…

Tumore da esposizione all'amiant…

La nuova metodica ovviere…

Cellule staminali: il segreto de…

Svelato il segreto ch…

Obesità: per prevenirla dedicare…

Per dimagrire non e' nece…

Dimostrata la connessione tra la…

[caption id="attachme…

Sclerosi multipla e il futuro ne…

Nel convegno mondiale Acr…

Epidemia da meningite fungina: n…

Diagnosticati nelle ultim…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Infiammazioni intestinali: proteina mucosa complice e causa

La malattia infiammatoria intestinale (Ibd) e’ una condizione comune nei paesi occidentali industrializzati. Che cosa la faccia scattare, pero’, non e’ stato ancora pienamente compreso.


I ricercatori della Technische Universit’ Manchen (TUM) hanno ora identificato un nuovo step nella patogenesi di questa malattia.cellule_intestino
Usando un modello murino della Ibd, hanno dimostrato che una proteina nelle cellule della mucosa intestinale potrebbe essere una delle cause della patologia. In particolare, gli studiosi si sono focalizzati sulla proteina omologa C/EBP (CHOP): i ricercatori hanno gli hanno esaminato il ruolo della proteina nello sviluppo dell’infiammazione intestinale cronica, modificando il Dna in modo che le cellule epiteliali intestinali dei topi producessero grandi quantita’ di questa proteina.

L’elevata presenza della CHOP ha reso i topi piu’ suscettibili di infiammazione intestinale. Inoltre, l’infiammazione si riduceva piu’ lentamente e la mucosa intestinale richiedeva, successivamente, piu’ tempo per rigenerarsi.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi