Melanoma: il pericolo dell'ecces…

Un gruppo di ricercatori …

Urologia: per gli uomini si cons…

Appello degli urologi agl…

Fibrosi cistica: tessuto polmona…

Un tessuto polmonare colt…

Cancro: nuova mappa delle protei…

Un gruppo di scienziati h…

L’FDA approva un nuovo farmaco b…

La Food and Drug Administ…

Cefalea a grappolo: diagnosi anc…

Attacchi molto dolorosi, …

Cancro al seno: combinazione di …

Scoperti altri nove nuov…

“Fibroma uterino, a che punto si…

Professori da tutta Europ…

Displasia broncopolmonare nei na…

I neonati prematuri hann…

Lieviti e infezioni: nuove cure …

Alcuni ricercatori coordi…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

I dati AIFA sulla spesa confermano la necessità di ampliare il ruolo di equivalenti e biosimilari

assogenericiRoma, 14 luglio 2014 – “L’aumento della spesa farmaceutica territoriale comunicato dal Direttore generale dell’AIFA, professor Luca Pani, costituisce effettivamente un segnale d’allarme. Non solo per le finanze pubbliche, ma soprattutto per i cittadini su cui ricade una quota non indifferente della spesa farmaceutica” dice il presidente di AssoGenerici Enrique Häusermann. “Una parte almeno di questa maggiore spesa, però, potrebbe essere evitata.


Secondo i dati del nostro “salvadanaio” i cittadini italiani da gennaio a giugno hanno speso 456 milioni di euro per pagare la differenza di prezzo farmaco tra generico e originale a brevetto scaduto, e già 34 milioni nella prima settimana di luglio. Una spesa di difficile comprensione, visto che esiste una notevole variabilità tra una Regione e l’altra se non tra un’ASL e l’altra”. Del resto è stato lo stesso professor Pani a indicare come la quota di medicinali equivalenti dispensata in Italia, il 14,9%, sia molto più bassa di quella dei paesi europei di riferimento.

“Come sottolineato dall’AIFA, sono in arrivo nuovi farmaci molto importanti, per i quali si rischia di non avere risorse sufficienti. E’ venuto il momento di aumentare il risparmio laddove è possibile senza mettere a repentaglio né la qualità né la sicurezza e l’efficacia delle cure. Un più ampio ricorso a equivalenti e biosimilari è oggi più che mai la chiave per poter garantire ai cittadini l’accesso ai salvavita di domani”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi