Le ricerche indipendenti conferm…

Roma, 24 ottobre 2016 – I…

Cancro al seno: non sempre il ca…

Le donne che consumano ca…

Fumo: anticipa di un anno la men…

Il fumo puo' anticipare d…

Glaucoma: sintomi ridotti da vin…

Vino rosso (ma in quantit…

Equivalenti e biosimilari, un bi…

Si tiene oggi a Roma il C…

Il Gruppo Chiesi Farmaceutici S.…

Chiesi Farmaceutici,…

Nascita Prematura: Il 17 Novembr…

Ogni anno, in Italia, nas…

Retina sana: l'esercizio fisico …

L'esercizio fisico potreb…

Perdita di memoria: nuova tecnic…

Preoccupati che una dimen…

Il legame tra il DNA 'spazzatura…

[caption id="attachment_7…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

All’insonnia è legata la mortalità precoce

La persistente mancanza di sonno potrebbe portare alla morte precocemente.


Almeno questo e’ quanto emerso da uno studio della University of Arizona pubblicato sull’American Journal of Medicine. Lo studio ha preso in considerazione un periodo di 40 anni ed ha esaminato gli effetti a lungo termine dell’insonnia. L’insonnia persistente, cioe’ che dura da piu’ di sei anni, e’ stata collegato a un aumento del 58 per cento del rischio di morte.insonnia
La mancanza di sonno cronica e’ stata inoltre associata a elevati livelli di infiammazione nel sangue, a loro volta legati a diabete, obesita’, cancro, demenza, depressione e malattie cardiache.

“Una migliore comprensione dell’associazione tra insonnia cronica e morte potrebbe dare informazioni utili per il trattamento della popolazione a rischio”, ha concluso Sairam Parthasarathy, autore principale dello studio.

Archivi