Ricercatori svelano il mistero d…

[caption id="attachme…

Da cellule epiteliali a neuroni

Più vicino l'obiettivo di…

Primo intervento alla prostata i…

Via il tumore alla pros…

Ossido nitrico cardio-protettore…

Durante lo sforzo fisico …

Bendaggio gastrico: non si ripre…

Dopo dieci anni non c'è p…

Influenza: il meccanismo del vir…

Un gruppo di ricercatori …

Organi in provetta partendo da s…

Ricostruire organi interi…

Massa grassa: importante durante…

[caption id="attachme…

[Cordis] Il grid computing per l…

[caption id="attachment_8…

Il sud est asiatico libero dalla…

Dichiarazione da parte de…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

All’insonnia è legata la mortalità precoce

La persistente mancanza di sonno potrebbe portare alla morte precocemente.


Almeno questo e’ quanto emerso da uno studio della University of Arizona pubblicato sull’American Journal of Medicine. Lo studio ha preso in considerazione un periodo di 40 anni ed ha esaminato gli effetti a lungo termine dell’insonnia. L’insonnia persistente, cioe’ che dura da piu’ di sei anni, e’ stata collegato a un aumento del 58 per cento del rischio di morte.insonnia
La mancanza di sonno cronica e’ stata inoltre associata a elevati livelli di infiammazione nel sangue, a loro volta legati a diabete, obesita’, cancro, demenza, depressione e malattie cardiache.

“Una migliore comprensione dell’associazione tra insonnia cronica e morte potrebbe dare informazioni utili per il trattamento della popolazione a rischio”, ha concluso Sairam Parthasarathy, autore principale dello studio.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi