L'interruttore di crescita cellu…

[caption id="attachment_7…

Il Nobel per la Medicina 2020 è …

Una scoperta che ha perme…

Nasce il Centro di Neuroscienze …

L’Università di Milano-Bi…

Il beneficio dei probiotici nei …

Somministrare probiotici …

Ospedali pain free per grandi e …

Ben 2 bambini su 5 e 1 ad…

Cancro: creato un vaccino con un…

Creato in laboratorio il …

Scienziati spiegano come le cell…

La questione di come sing…

AriSla: ricerca USA-Italia su ba…

Il lavoro, che apre la st…

Sindrome di Beckwith-Wiedemann: …

Luce sui meccanismi alla …

Olfatto in laboratorio, o naso a…

[caption id="attachment_7…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Diabete: creato un cerotto medicato in grado di migliorare guarigione delle ulcere

Messo a punto un cerotto sicuro ed efficace che rilascia un farmaco in grado di migliorare la guarigione delle ulcere legate al diabete.


Ad annunciarlo e’ stato un gruppo di ricercatori della Stanford University School of Medicine in uno studio pubblicato sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences. diabeteLe ulcere sono piaghe o ferite aperte che colpiscono all’incirca il 15 per cento dei pazienti con diabete di tipo 2. I ricercatori pensano che siano causate dalla ridotta capacita’ del tessuto di formare nuovi vasi essenziali per la guarigione delle ferite: alti livelli di zucchero nel sangue compromettono la capacita’ del corpo di far crescere nuovi vasi sanguigni.

Nello stesso studio i ricercatori hanno rilevato un potenziale trattamento: la deferoxamina, o DFO, un farmaco gia’ approvato dalla Food and Drug Administration per il trattamento dell’emocromatosi, una condizione in cui il corpo accumula troppo ferro. DFO sembra in grado di aiutare i pazienti diabetici a stimolare l’espressione di una proteina responsabile della crescita dei vasi sanguigni.

Il problema era quello di capire come somministrare DFO sui pazienti che soffrono di ulcere diabetiche e che richiedono un trattamento prolungato e potenzialmente tossico. Cosi’ i ricercatori hanno pensato a un’alternativa, un cerotto applicato direttamente sulla pelle. Svilupparne uno in grado di rilasciare il farmaco non e’ stato semplice ma dopo quasi 4 anni di tentativi ci sono riusciti. “I topi tollerano bene” il nuovo cerotto”, hanno spiegato gli studiosi. “Speriamo di avviare gli studi clinici a breve”, hanno concluso.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x