Tumori: isolata proteina presunt…

Un gruppo di ricercatori …

La leptina a capo di meccanismi …

[caption id="attachment_8…

Janssen presenta richiesta di es…

Le richieste di estension…

9 settembre con ALT agli aperiti…

Bergamo, 2 SETTEMBRE 2015…

La strategia dei batteri per res…

Una nuova ricerca potrebb…

Assogenerici ricorda il professo…

Roma, 9 novembre 2016 – “…

Sigarette fai-da-te: non meno no…

Rollare non apporta benef…

La ripresa di Camerino comincia …

La ripresa di Camerino co…

Lodotra® (prednisone a rilascio …

Milano, 8 Maggio 2012 - I…

Esercizio fisico: riduce infiamm…

Una ricerca presentata al…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Sonno: diminuire le ore vuol dire far aumentare il desiderio di mangiare negli adolescenti

Rinunciare anche solo a un’ora di sonno al giorno puo’ portare gli adolescenti a mangiare piu’ del solito.


A dimostrarlo e’ stato un gruppo di ricercatori della Penn State University in uno studio presentato al meeting dell’American Heart Association EPI/Lifestyle. Precedenti ricerche avevano gia’ associato la scarsita’ di sonno negli adolescenti a un piu’ alto rischio di obesita’. Ma la maggior parte ha basato i propri dati su quello che hanno riferito i soggetti. Il nuovo studio, invece, e’ il primo ad aver misurato oggettivamente negli adolescenti il modello di sonno e di attivita’ fisica per oltre una settimana, tenendo in considerazione anche le abitudini alimentari della vita reale.   Gli adolescenti che hanno preso parte allo studio avevano un’eta’ media di 17 anni e, grazie a uno speciale braccialetto indossato, e’ stato possibile misurare i cicli di attivita’ e di riposo.

I soggetti, inoltre, hanno risposto a un questionario sul tipo di alimentazione seguita. I ricercatori hanno cosi’ potuto analizzare le relazioni tra la durata del sonno, le variazioni del sonno giorno per giorno e l’assunzione di cibo. Lo studio ha mostrato che gli adolescenti, in generale, dormono di piu’ nel fine settimana e questo spingerebbe a dormire di meno il giorno successivo.

Questa variazione sembra essere associata all’aumento di peso. Secondo i ricercatori e’ possibile con il sonno perso spinga l’adolescente a essere piu’ sedentario e, di conseguenza, a essere piu’ propenso a fare spuntini davanti alla tv. Un’altra possibile spiegazione, ipotizzata dagli studiosi, e’ che i cambiamenti nei modelli di sonno potrebbero determinare uno squilibrio ormonale, che porta a mangiare di piu’.

“Puo’ essere importante avere un modello di sonno regolare rispetto al dormire di piu’ un giorno e di meno un altro”, hanno spiegato i ricercatori. “Questi risultati potrebbero aiutarci a capire meglio come l’obesita’ si sviluppa tra i giovani”, hanno concluso

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi