Sconfiggere il cancro, iniziando…

Così il rischio di morire…

Difetti congeniti cardiaci già p…

Le origini di difetti con…

Come fa l'ameba a riconoscere i …

Quando le amebe Dictyoste…

Labbra perfette con laser e lipo…

Un 'mix' tecnologico in g…

Per combattere il tumore un aiut…

“Cibo ed emozioni: salute…

Ictus precoci possono causare di…

Gli ictus particolarment…

Dimostrata la capacità del cerve…

[caption id="attachment_2…

Studio italiano sui recettori de…

[caption id="attachment_5…

Iperparatiroidismo: condizione c…

Una dieta povera di calci…

Igiene orale e artrite: dimostra…

[caption id="attachment_1…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Da Nord a Sud tutti i volontari mobilitati per il sisma del 26 ottobre

Roma, 28 ottobre 2016. I Farmacisti volontari in Protezione civile sono già entrati in azione per portare soccorso nelle zone colpite dal sisma dello scorso 26 ottobre. “La Direzione della Protezione civile ci ha chiesto di mobilitare tutti i mezzi e i volontari disponibili” dice Enrica Bianchi, presidente dell’Associazione nazionale. “Nella notte di giovedì il camper-farmacia della colonna di Cuneo è partito alla volta di Vissio, che ha raggiunto nelle prime ore di oggi. FofiQuello dell’Associazione di Agrigento si imbarcherà questa notte per Napoli da dove raggiungerà la località che ci sarà indicata dalla direzione dei soccorsi. Domani sera (sabato) sarà la volta dell’Associazione di Cagliari che sbarcherà a Civitavecchia, con il suo mezzo attrezzato, e sarà supportata  da una squadra dei volontari di Verona”.

“La situazione è subito apparsa molto critica” dice il presidente della Federazione degli ordini dei Farmacisti Italiani, Senatore Andrea Mandelli. “ E oltre all’Associazione abbiamo subito contattato gli Ordini della zona colpita, in particolare quelli di Macerata, Ascoli Piceno e Ancona per acquisire, nel più breve tempo possibile, informazioni sulla situazione dei luoghi e in  particolare in riferimento al coinvolgimento di farmacisti e farmacie. Anche questa volta i volontari hanno risposto immediatamente con uno sforzo organizzativo non indifferente, dato che continuano a prestare la loro opera nelle zone danneggiate dal terremoto del 24 agosto,  e di questo li ringraziamo. Un plauso è doveroso anche per tutti i colleghi farmacisti delle zone colpite che anche in condizioni difficilissime continuano a operare per i loro concittadini.  Restiamo mobilitati per rispondere a tutte le necessità che dovessero sorgere nel  prosieguo delle attività di soccorso”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi