Prostata: per prevenzione e inut…

[caption id="attachment_9…

Vitamina D: non solo dal sole, m…

Un nuovo studio mostra co…

Papilloma virus, virus che attac…

Una ricerca dell'Azienda …

Infertilità maschile, quando la …

Le infezioni batteriche s…

Due nuovi geni implicati nella s…

[caption id="attachment_5…

Neuroblastoma: un comune farmaco…

[caption id="attachment_9…

Digossina e decessi: uno strano …

La digossina, farmaco com…

Sindrome di down: colina in grav…

Nel caso di feti e bambin…

Diabete: il percorso tecnologico…

In un incontro stampa org…

Ipertensione polmonare: dalla Lo…

[caption id="attachment_8…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Prosegue anche quest’anno il tour “Fabbriche Aperte” di Assogenerici e fa tappa alla Mipharm per far conoscere le eccellenze del comparto

Le aziende associate ad Assogenerici si presentano anche quest’anno e aprono le porte dei loro stabilimenti produttivi alle Istituzioni, agli amministratori locali, ai medici, ai pazienti, ai consumatori e ai media per tradurre in esperienza quanto è ormai noto e far toccare con mano l’eccellenza alla base della produzione dei farmaci generici equivalenti. La storica azienda farmaceutica milanese Mipharm si fa oggi portabandiera del comparto, che occupa in Italia 10mila addetti in 60 aziende. 

Milano, 21 novembre 2016 – Si è svolta oggi a Milano all’interno del sito produttivo della Mipharm, la terza tappa dell’iniziativa “Fabbriche Aperte”, promossa da Assogenerici per mettere in luce i propri gioielli produttivi e far conoscere la solida realtà industriale che compone il comparto dei farmaci generici equivalenti. E, non a caso, il tour di quest’anno fa tappa nella storica azienda farmaceutica milanese fondata nel gennaio del 1998 dal Cav. del Lavoro, Dott. Giuseppe G. Miglio, uno dei più importanti siti di produzione conto-terzi esistenti in Italia.assogenerici-scritta-sotto-logo

“In uno scenario così complicato, come quello che dobbiamo affrontare in questi anni, – afferma il Cavalier Giuseppe G. Miglio, Fondatore, Presidente e CEO di Mipharm, azienda che vanta 4 linee di produzione approvate dalla FDA – il ruolo del produttore di farmaci generici equivalenti diventa assolutamente centrale al fine di garantire livelli qualitativi adeguati. È indubbio che la qualità abbia un costo significativo sia in termini di risorse umane qualificate che di investimenti in tecnologia e processi che, un’azienda come Mipharm, deve garantire per poter soddisfare i requisiti imposti dalle autorità sanitarie, sia italiane sia internazionali e soprattutto dai propri prestigiosi clienti.”

“Nell’anno cui ricorre il ventennale del farmaco generico equivalente in Italia, e in questo momento in cui è sempre più forte la necessità di riformare la governance della spesa farmaceutica, la campagna ‘Fabbriche Aperte’ vuole riproporre all’attenzione delle Istituzioni e delle amministrazioni locali l’importanza del settore farmaceutico all’interno del sistema industriale del nostro paese e il ruolo sempre più importante che in esso ricopre il nostro comparto anche in termini di nuove opportunità manifatturiere.

Le nostre industrie generano risorse e benessere e l’impegno di Assogenerici, anche attraverso questa iniziativa, è mostrare in che modo ciò avviene. Vedere per credere. Aprire le porte dei nostri stabilimenti produttivi perché il mondo istituzionale, i medici, i pazienti, e i cittadini possano conoscere il livello di avanguardia tecnologica e gli standard qualitativi dietro la produzione dei farmaci generici equivalenti è il nostro miglior biglietto da visita. Lo stesso biglietto da visita con il quale, da sempre, ci siamo alleati a fianco del nostro Servizio Sanitario Nazionale nella lotta per la sua sostenibilità” dichiara Enrique Häusermann, Presidente di Assogenerici. E continua “Per questo la riforma della governance del sistema del farmaco che è in cantiere dovrà contemperare l’esigenza di contenimento della spesa farmaceutica con il diritto di libertà di iniziativa economica, inteso come diritto di ciascuna impresa ad operare in un mercato in cui vi sia reale garanzia di equa concorrenza. Perché, non ci dobbiamo dimenticare che, ogni scelta che il nostro Paese farà oggi avrà conseguenze non solo sulla gestione della spesa per farmaci ma anche sugli investimenti sul sistema industriale dei farmaci, a partire proprio dal settore manifatturiero. Questo scenario, che richiede il dialogo tra tutte le parti interessate e la disponibilità delle aziende a trovare soluzioni, deve andare di pari passo con la definizione della governance futura. In altri termini serve un Patto di Stabilità pluriennale che sia in grado di fornire regole certe per lo sviluppo di un mercato dinamico”.

“Il 2016 – conclude il Presidente Häusermann – ha registrato importanti operazioni industriali nel nostro settore che sfoceranno in un consolidamento del comparto produttivo con un forte impatto sull’export farmaceutico di cui l’Italia è già leader in Europa. Tutto ciò porta valore al nostro paese e porta orgoglio al nostro comparto: oggi, grazie a Mipharm, potete condividerlo coi noi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: