Cancro al fegato: cellule stamin…

I tumori al fegato sono …

Il cosiddetto "affollamento visi…

[caption id="attachment_6…

Tumore alla prostata: cinque sed…

Cinque sedute di radioter…

Emofilia B: nuova tecnica di ter…

L'emofilia B puo' essere …

Farmaci omeopatici: nuove dirett…

MILANO - L’Agenzia italia…

Cellula artificiale: creato un m…

Primi passi verso la cell…

Aspirina: previene in qualche fo…

L'aspirina puo' abba…

Steatoepatite: assolto il frutto…

Il consumo di fruttosio n…

Sindrome metabolica: a rischio a…

I medici di base dovrebbe…

La musica del cuore che fa bene …

Una ricerca dell'Univ…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Liceali si vaccinano per proteggere un loro compagno malato di tumore

ANSA Lorenzin, in periodo di fake news sul tema è una grande lezione

È un gesto di affetto quello di alcuni ragazzi del liceo linguistico Amaldi di Novi Ligure, che hanno scelto di vaccinarsi contro l’influenza per proteggere un compagno che sta lottando contro un tumore: un gesto per il quale arriva anche il plauso del ministro della Salute Beatrice Lorenzin. “Desidero fare i miei più sinceri complimenti agli studenti della classe V E del Liceo linguistico Amaldi di Novi Ligure, che per proteggere dal virus dell’influenza un loro compagno, che sta lottando contro un tumore, si sono tutti vaccinati – scrive il ministro su Facebook -. Stamattina ho parlato con il preside e la docente che ha sensibilizzato i ragazzi sull’importanza del concetto di immunità di gregge. È una storia esemplare, bellissima, di senso civico e generosità che parte dai giovani”.
“È raro infatti – aggiunge Lorenzin – vedere ragazzi di 18 anni che chiedono di vaccinarsi contro l’influenza e soprattutto in un periodo come questo dove questa forma di prevenzione viene messa in discussione da sospetti immotivati e fake news che viaggiano sul web. Tutto ciò evidenzia come quando in gioco ci sia la salute di una persona cara ogni dubbio scompare. Oggi da questi studenti abbiamo tutti ricevuto una grande lezione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi