Svelato il mistero della scompos…

In un nuovo studio, ricer…

DL Liberalizzazioni: una scelta …

L’obbligo di indicare nel…

Morbo di Chagas: trypanosomiasi …

La trypanosomiasi si sta …

Cancro alla mammella: farmaco sp…

Un nuovo farmaco sperimen…

Nuovo farmaco per il controllo d…

Recordati annuncia il pri…

Tumori Testa – Collo: Inaspettat…

Se ne discute a Genova ne…

Fumo: in futuro sarà pronto un t…

Gli scienziati dell'Unive…

Divieto di fumo: sta riducendo c…

Il divieto di fumare nei…

Il cervello cresce con l'allenam…

Il cervello è 'speedy', o…

Ri-legittimato il "punto G" femm…

Una ricerca che dura da 5…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Vaccino anti-influenzale: perché è importante isolare i primi casi di influenza.

virus influenza 

Milano, 28 novembre 2017. Spesso i media riportano l’isolamento in determinate regioni o città dei primi casi di influenza. Perché è importante saperlo?.

I vaccini si basano su determinati virus. – Spiega Fabrizio Pregliasco virologo presso il Dipartimento Scienze biomediche per la salute dell’Università degli Studi di Milano e Responsabile scientifico di www.osservatorioinfluenza.it. – E’ possibile che i virus subiscano delle variazioni differenziandosi così da quanto si conosceva nel momento in cui i vaccini sono stati prodotti.”

L’isolamento dei primi casi serve proprio a verificare se gli stipiti circolanti sono simili a quelli previsti dall’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) nella composizione stabilita a febbraio.

Monitorare questo aspetto è importante per due motivi. Confermare la protezione che la vaccinazione influenzale garantisce in prima battuta e valutare eventuali interventi da implementare nel caso si assistesse ad una mutazione molto importante di uno o più componenti.

La storia degli ultimi evidenzia uno scarso cambiamento della composizione dei virus protagonisti della stagione influenzale, confermando l’efficacia della vaccinazione; – conclude Pregliasco – è comunque dovere delle istituzioni sanitarie monitorare, a tutela della salute pubblica, quali sono i ceppi prevalenti e come si muovono nel nostro paese.”

Per informazioni www.osservatorioinfluenza.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi