Polline: 1,2 milioni di bambini …

In Italia, tra marzo e a…

Cancro al seno e obesita': scope…

Un comune "mantra" che ci…

Barbecue non proprio 'salubre': …

[caption id="attachment_7…

Sistema immunitario e nanopartic…

La nanotecnologia è un'in…

Linagliptin compresse ottiene pa…

La nuova indicazione pr…

Protesi PIP e Codacons: per il T…

"Il Tar del Lazio, con un…

Dal Nilo, sulle mummie, la stori…

Già 1500 anni fa, le prat…

La corretta interpretazione dell…

E' stata considerata inut…

Quale futuro per il nostro Servi…

CEIS, Il Sole 24 Ore Sani…

Tumori del seno: TAZ, un gene ch…

Si chiama TAZ ed è il gen…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Vaccino anti-influenzale: perché è importante isolare i primi casi di influenza.

virus influenza 

Milano, 28 novembre 2017. Spesso i media riportano l’isolamento in determinate regioni o città dei primi casi di influenza. Perché è importante saperlo?.

I vaccini si basano su determinati virus. – Spiega Fabrizio Pregliasco virologo presso il Dipartimento Scienze biomediche per la salute dell’Università degli Studi di Milano e Responsabile scientifico di www.osservatorioinfluenza.it. – E’ possibile che i virus subiscano delle variazioni differenziandosi così da quanto si conosceva nel momento in cui i vaccini sono stati prodotti.”

L’isolamento dei primi casi serve proprio a verificare se gli stipiti circolanti sono simili a quelli previsti dall’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) nella composizione stabilita a febbraio.

Monitorare questo aspetto è importante per due motivi. Confermare la protezione che la vaccinazione influenzale garantisce in prima battuta e valutare eventuali interventi da implementare nel caso si assistesse ad una mutazione molto importante di uno o più componenti.

La storia degli ultimi evidenzia uno scarso cambiamento della composizione dei virus protagonisti della stagione influenzale, confermando l’efficacia della vaccinazione; – conclude Pregliasco – è comunque dovere delle istituzioni sanitarie monitorare, a tutela della salute pubblica, quali sono i ceppi prevalenti e come si muovono nel nostro paese.”

Per informazioni www.osservatorioinfluenza.it

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi