Stress e collera: i geni incidon…

Una nuova scoperta nel ca…

La missione benessere sara' mant…

[caption id="attachme…

Tumore del seno: l'azione protet…

I broccoli mangiati con u…

Sindrome da fatica cronica: non …

Prendere la vita con più …

Le funzioni antinfiammatorie del…

[caption id="attachment_6…

Tumori: virus Herpes simplex mod…

[caption id="attachment_8…

Infarto: individuate altre tredi…

Tredici nuove mutazioni g…

Virus HIV: scoperta dinamica gem…

Da tempo è stato provato …

Cellule beta del pancreas, ricet…

Una nuova tecnica in grad…

Bambini farfalla: la terapia gen…

Promettenti risultati ott…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Vaccino anti-influenzale: perché è importante isolare i primi casi di influenza.

virus influenza 

Milano, 28 novembre 2017. Spesso i media riportano l’isolamento in determinate regioni o città dei primi casi di influenza. Perché è importante saperlo?.

I vaccini si basano su determinati virus. – Spiega Fabrizio Pregliasco virologo presso il Dipartimento Scienze biomediche per la salute dell’Università degli Studi di Milano e Responsabile scientifico di www.osservatorioinfluenza.it. – E’ possibile che i virus subiscano delle variazioni differenziandosi così da quanto si conosceva nel momento in cui i vaccini sono stati prodotti.”

L’isolamento dei primi casi serve proprio a verificare se gli stipiti circolanti sono simili a quelli previsti dall’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) nella composizione stabilita a febbraio.

Monitorare questo aspetto è importante per due motivi. Confermare la protezione che la vaccinazione influenzale garantisce in prima battuta e valutare eventuali interventi da implementare nel caso si assistesse ad una mutazione molto importante di uno o più componenti.

La storia degli ultimi evidenzia uno scarso cambiamento della composizione dei virus protagonisti della stagione influenzale, confermando l’efficacia della vaccinazione; – conclude Pregliasco – è comunque dovere delle istituzioni sanitarie monitorare, a tutela della salute pubblica, quali sono i ceppi prevalenti e come si muovono nel nostro paese.”

Per informazioni www.osservatorioinfluenza.it

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!